Papamobile: elettrica, green, sostenibile, Kangoo

Elettrica, sostenibile, green e super accessoriata, la nuova Papamobile rende il parco auto del Vaticano, con la sua gendarmeria ecosostenibile, forse meno ambito di quello di Batman ma sempre più green, a dimostrazione della sensibilità di Papa Benedetto XVI per l’intero creato e la mobilità sostenibile.

Dopo il concorso di "Mantova Creativa" indetto per progettare una papamobile...eco, e le indiscrezioni di quella ibrida progettata dalla Mercedes, arrivano in 'omaggio' alla Santa Sede i due esemplari realizzati per il Papa da Renault, sulla base del modello Kangoo Maxi Z.E.

I due veicoli offerti e presentati al Santo Padre da Carlos Ghosn, presidente e direttore generale del gruppo Renault, presso la residenza estiva papale di Castel Gandolfo, sono esemplari unici realizzati in collaborazione con il carrozziere francese Gruau, di colore bianco con lo stemma pontificio di Benedetto XVI sulle porte, per agevolare gli spostamenti del Papa, e un modello simile di colore blu destinato alla Gendarmeria Vaticana che vigila sulla sicurezza del Papa.

‘Omaggi’ dotati di 4 posti, di cui 2 sedili posteriori individuali, equipaggiate con tetto apribile, per permettere al Papa di alzarsi e salutare i fedeli, di vetri laterali posteriori amovibili per un'ampia superficie aperta, di porte laterali posteriori a battente e pedane elettriche a scomparsa per agevolare l'accesso a bordo, un motore elettrico da 60 Cv e batteria agli ioni di litio che gli assicura un'autonomia media di 170 km.

“il Vaticano sta sviluppando una politica di attenzione nei confronti delle energie alternative”

Però, nonostante il miracolo della benzina santa del Vaticano, visto che alla carica all’auto elettrica, per quanto pontificia, non provvede lo Spirito Santo, Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, ha tenuto anche a sottolineare il contributo dell'Enel nel progetto.

Contributo che consiste nell'installazione di 6 punti di ricarica, 3 all'interno del Vaticano e 3 nella residenza di Castel Gandolfo, confermata da Livio Gallo, direttore della divisione infrastrutture e reti Enel.

Del resto lo dicono anche le sacre scritture “Chiedi e ti sarà dato” (Matteo, 7,7-11)

"Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Poiché tutti coloro che chiedono riceveranno,
Tutti coloro che cercano troveranno, A tutti coloro che bussano verrà aperto".

Giobbe Covatta aggiungerebbe “Basta poco..che ce vo!!”. Del resto quando c'è la volontà e gli interessi, anche le case automobilistiche possono fare miracoli e bei regali.

I nostri colleghi più eco della famiglia Blogo, ci tengono però a precisare che le auto elettriche sono zero emissioni solo in fase di utilizzo, ma se l’energia elettrica per l’alimentazione proviene da fonti fossili e non rinnovabili non possono considerarsi veicoli 100% ecologici e sostenibili.

Via - Foto | Comunicato Stampa - Ecoblog

  • shares
  • Mail