Artisti di strada a Roma: il nuovo regolamento è valido e in vigore

Artisti di strada a Roma

Ad aprile vi avevamo dato la notizia: era in discussione una delibera (fortemente voluta dall’assessore alla Cultura e al centro storico Dino Gasperini e approvata pochi giorni dopo) che avrebbe regolamentato in modo molto duro e preciso l'attività degli artisti di strada a Roma. Divieto di esibirsi per più di due ore per ogni singolo luogo e obbligo di farlo all’interno di due fasce orarie ben precise: la mattina dalle 10 alle 13 ed il pomeriggio dalle 16 alle 20 (ma fino alle 23 in primavera ed estate). Distanza minima dai luoghi di culto e ospedali di almeno 10 metri e tassativamente vietate le amplificazioni, strumenti a percussione o altri come sax e trombe, e bombolette spray per i disegnatori.

Voi lettori di 06blog avete detto la vostra in un sondaggio ("La delibera è totalmente ingiusta, ucciderà l'arte di strada", con il 56% dei voti) e sono seguite delle richieste di sospensione, proposte da 34 artisti di strada insieme con le associazioni Arte del Tempo e Cooras (Coordinamento artisti di strada). Richieste bocciate dal Tar che ha sancito non solo la validità del regolamento, ma l'entrata in vigore: i trasgressori saranno soggetti al sequestro dell'attrezzatura e multe da 500 fino a 1000 euro. Tutto chiaro? Quasi...

Alcuni particolari aspetti del regolamento impugnato appaiano suscettibili di approfondimento (segnatamente quelli relativi all'apparato sanzionatorio, nonché al divieto, tout court, delle attività artistiche svolte con strumenti a percussione) [...] nel complesso la disciplina introdotta non si appalesa illegittima (avendo il Comune esercitato le proprie potestà in materia di governo del territorio e uso del suolo pubblico), nè manifestamente irragionevole.

Così si legge nell'ordinanza, come a dire: un margine di contrattazione (e miglioramento) ci sarebbe. Ci sarebbe se Alemanno non si fosse già espresso dimostrando ben poca disponibilità. Secondo il sindaco di Roma infatti, la decisione del Tar "dimostra che la disciplina introdotta da Roma Capitale per regolamentare il fenomeno degli artisti di strada è assolutamente corretta. La nostra idea è chiara: lavorare e divertirsi, ma nel rispetto delle regole e degli altri". Capitolo chiuso?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail