Il teatro a Roma segue “Le vie dei festival”

Dove va il teatro contemporaneo? Quali strade prende? Sicuramente prende “Le vie dei festival”, storica rassegna capitolina, inserita nel calendario dell’Estate Romana, giunta al XIV appuntamento, dal 13 al 23 settembre sui palcoscenici dei teatri Greco e Sala Uno. Dieci giorni per cinque spettacoli, ognuno in due repliche, per la kermesse organizzata dall’associazione Cadmo, con la direzione artistica di Natalia Di Iorio.

Ad aprire la manifestazione, alla Sala Uno, la scrittrice di culto Amelie Nothomb, franco-belga, con “Libri da ardere”, una riflessione sul valore della letteratura, protagonista Elio De Capitani, diretto da Cristina Crippa il 13 e 14 settembre. Tra le perle proposte da quest’edizione, al Treatro Greco è di scena il 15 e 16 settembre la danzatrice islandese Erna Omarsdottir, collaboratrice storica di Jan Fabre, con lo spettacolo “Ibm 1401. User’s manual”: il lavoro, ideato a quattro mani con il musicista Johann Johannsson, racconta la storia dell’approdo dei computer in Islanda.

Lavora a partire dal cinema di Fassbinder la compagnia toscana Egumteatro, il palco per loro è quello della Sala Uno, le date il 18 e il 19. Week end conclusivo affidato alla Scuola sul movimento ritmico di Cesena. Spazio anche alla tragedia classica, nelle traduzioni di Eduardo Sanguineti, con quattro giovani interpreti. Prezzi dai 15 a 12 euro.

Via | adnkronos

  • shares
  • Mail