Quotidiani romani: torna E Polis e cambia Il Tempo

Dopo aver parlato di rifiuti ‘straordinari’ - quelli prodotti dalla Notte Bianca - oggi parliamo di rifiuti ‘ordinari’, ovvero quella grande fabbrica di cartaccia ambulante che sono i quotidiani free press. È ovviamente una battuta per introdurre la notizia che il quotidiano free press E Polis, lanciato dall’imprenditore sardo Grauso, ha ripreso le pubblicazioni, a partire da ieri, 10 settembre, dopo circa mese di sospensione e un paventato fallimento. A risollevare le sorti del gruppo, che dà lavoro a oltre 200 dipendenti tra giornalisti, tecnici e impiegati e circa 800 collaboratori, l’acquisizione della quota di maggioranza (il 75%) da parte di Alberto Rigotti, presidente della banca d'affari Abm Merchant. Ma tra i burattinai dell'operazione di rianimazione c'è anche Marcello dell'Utri.

E Polis Roma (di cui avevamo intervistato il caporedattore un po' di tempo fa, sul secondo numero di Permalink) è una delle 15 testate del gruppo, tornate alla distribuzione con 570mila copie: questi quotidiani rappresentano la terza pubblicazione italiana per diffusione, dopo Corriere della Sera e La Repubblica, escludendo le testate specialistiche Gazzetta dello sport e Sole 24 Ore. Restano, ad ogni modo, i debiti e il numero di pagine è ridotto.

Novità anche per Il Tempo, storico quotidiano di Piazza Colonna. Dopo un numero speciale di presentazione del nuovo progetto editoriale, distribuito per la Notte Bianca, la testata di Palazzo Wedekind cambia completamente formato, impaginazione e rubriche a partire dal 4 ottobre: grafica e immagini interamente a colori. Roma non è mai stata così tabloid.

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: