In bikini in difesa degli orsi canadesi


Orsi e bikini. Se il binomio vi sembra un po’ strano, state a sentire cos’è successo stamattina davanti all’ambasciata britannica in via XX Settembre. Un gruppo di animalisti della Peta, uno dei maggiori movimenti in difesa degli animali, ha inscenato una protesta “in costume” contro la mattanza di orsi canadesi le cui pellicce vengono spesso utilizzate per fare da cappello alla Guardia Reale inglese. Singolare l’abbigliamento delle manifestanti: le ragazze erano vestite di bikini con i colori dell’Union Jack. Giorgio Bastianutti, portavoce della Peta, spiega:

E’ uno sterminio che colpisce centinaia di esemplari ogni anno, cuccioli compresi. Con questa manifestazione vogliamo lanciare un messaggio soprattutto al ministero della Difesa inglese, affinché intervenga per porre fino a questo massacro.

Per confezionare un unico copricapo, spiegano, può essere necessario anche l'intero manto di un orso:

Un'attività crudele e del tutto inutile - conclude Bastianutti - alla luce del fatto che questi cappelli hanno funzione unicamente ornamentale. La soluzione più logica è usare pelliccia sintetica, visto che l'80% degli inglesi in un recente sondaggio, si è espresso contro l'utilizzo di denaro pubblico per questo scopo.

Via | msn.it

  • shares
  • Mail