La settimana dei Municipi. Rifiuti e rifiutati

Diventano incandescenti i toni sul problema della nuova discarica di Roma, ora che il sito è stato individuato a Monti Ortaccio. "Noi presidenti di Municipi in questi mesi abbiamo sempre evitato che le proteste assumessero forme piu' cruente e continueremo a provarci, ma a questo punto non garantiamo" dice il minisindaco del Municipio XV Gianni Paris.

Non più teneri di lui i comitati di quartiere. “Una cosa e' certa: a Monti dell'Ortaccio non verra' scaricata neanche una foglia, a meno che non vogliano farlo sui nostri corpi”, dice Mario Ungarelli, promotore del comitato di quartiere del Municipio XV il Popolo della Nebbia.

Il problema, riassumendo, è che la nuova discarica insiste di nuovo in un'area, Valle Galeria, già provata dalla presenza di Malagrotta. Infatti, dati alla mano, come spiega il presidente del Municipio XVI, Fabio Bellini, “la Valle Galeria ha bisogno del risanamento ambientale come confermano i dati dell'Arpa e dell'Ispra e quelli sulla mortalita' per tumori: nel raggio di 3 chilometri dalla discarica e dagli impianti il 28% in piu' del resto di Roma - prosegue -. Su questo sta indagando anche la magistratura”.

Da parte sua, la maggioranza capitolina chiede alla Commissione delegata di rivedere questa scelta, sottolineando la contrarietà dell'amministrazione comunale, come, ricorda Andrea De Priamo (Pdl), “piu' volte ribadito in primis dal Sindaco: ossia che non puo' essere sacrificato ulteriormente un territorio che da decenni convive con la discarica piu' grande d'Europa".

In ogni caso, ai consiglieri municipali del Municipio XV sono state chieste, tout court, le dimissioni. "Prima chiediamo al sindaco Alemanno di prendere una posizione chiara contro l'ipotesi della discarica nella Valle Galeria Vogliamo un contrasto netto a questa ipotesi- dice Augusto Santori, Pdl- Alemanno deve prendersi le sue responsabilita' di fronte al territorio. Poi sono pronto a fare la mia parte. Siamo fiduciosi".

Staremo a vedere. Intanto, le cronache non smettono di occuparsi del problema, detto brutalmente, della monnezza. C'è stato un problema con uno scarico di emergenza che per motivi tecnici lunedì si è attivato nel canale dei Pescatori a Ostia, come ha spiegato Acea, che ha precisato che però subito è stato avviato subito un trattamento con prodotti a base di enzimi per favorire i processi auto depurativi naturali delle acque".

E infine sono stufi di lottare “pacificamente” i cittadini del Municipio IV, come spiega senza mezzi termini Riccardo Corbucci, vicepresidente del Consiglio del Municipio IV. "I forti miasmi provenienti dall'impianto Ama di via Salaria 981 stanno esasperando i cittadini di Villa Spada, Fidene, Valli e Nuovo Salario che, nonostante il caldo, si vedono costretti a tenere le finestre chiuse anche di sera per evitare conati di vomito e mal di testa, e cio' sta rendendo insostenibile la vita dei residenti", ha spiegato.

"La forte puzza, ormai storicamente proveniente dall'impianto malfunzionante di via Salaria- spiega Corbucci- coinvolge anche i lavoratori degli uffici e gli abitanti delle zone di Fidene, Serpentara, Nuovo Salario, Conca D'Oro e Prato della Signora.”

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail