Roulette & slot machines: la Capitale che s’azzarda

Rouge o noir: qualunque sia la vostra scelta, nessun problema, perché nel centro di Roma le possibilità di giocare d’azzardo non mancano proprio. Lunedì prossimo in piazza Farnese s’inaugura, infatti, l’ennesima sala scommesse. E il plurale è proprio d’obbligo perché in pochi mesi hanno aperto i battenti altre tre strutture simili: a piazza Vittorio, via della Lungara e via San Francesco a Ripa.

Romani frequentatori di casinò? Chissà. Di certo, però, c’è che esiste una delibera comunale in cui, nero su bianco, si vieta la creazione di nuove sale giochi. Ma, fatta le legge, ecco anche lo stratagemma. La normativa distingue infatti fra “sale scommesse”, quelle in cui si punta su eventi come quelli sportivi, e “sale giochi”, dove, invece, ci si trastulla con roulette & co.

E’ a questo punto che arriva la “furbata” perché la Finanziaria 2006 permette di mettere dispositivi per il gioco d’azzardo all’interno di sale per le scommesse. Proprio questo è accaduto a piazza Vittorio: i gestori hanno prima aperto una sala del primo tipo - perfettamente legale - e poi ci hanno messo dentro quella illegale. Alla faccia di chi rimpiange le vecchie, fumose bische…

via | redazione.romaone.it

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: