Veltroni segretario del Partito Democratico? Forse sì, ma resta sindaco

Una immagine di Walter Veltroni di fronte alla Lupa romana - Foto: VeltroniRoma.itEra nell'aria già da tempo, ma ora siamo vicinissimi alla conferma: Walter Veltroni accetterà di candidarsi alle primarie del nascente Partito Democratico, come possibile nuovo segretario. Il nostro sindaco ha ceduto alle pressioni dei Ds, che lo hanno incoronato candidato in maniera compatta.

Cambierà qualcosa per la Capitale? Non nel breve termine, almeno stando alle intenzioni dello stesso Veltroni, che ha già posto le sue condizioni: restare sindaco di Roma per un lungo periodo. "Devo rispettare il consenso che ho avuto dai cittadini", avrebbe dichiarato durante un incontro con i 45 membri del Comitato per il Partito Democratico. Insomma, forse non resterà fino a fine mandato, ma poco ci mancherà.

Fra le altre condizioni poste da Walter per la sua candidatura alle primarie del Pd, si parla della possibile richiesta di avere due vicesegretari che lo aiutino nella formazione di una struttura di partito (dirigenti, sezioni, ecc...) che attualmente manca. E la foga con cui i Ds e altri partiti spingono per questa candidatura, fa pensare che queste richieste verranno accolte.

In tanti hanno detto che per Veltroni i suoi due mandati nella Capitale d'Italia sono serviti come allenamento per governare in futuro il Paese. Ora i tempi sembrano essere maturi. Che sia arrivato il momento di esportare il "Modello Roma" all'intera nazione?

foto | veltroniroma.it

  • shares
  • Mail
52 commenti Aggiorna
Ordina: