Elezioni comunali Roma 2013: Il sindaco sei tu - la rivoluzione democratica di Zingaretti

"Non mi tirerò indietro. La cosa più importante in questo momento di crisi è la credibilità che è data dalla coerenza delle persone. Fino alla fine condurrò questo lavoro in Provincia, poi vi verrò a cercare, casa per casa, quartiere per quartiere, strada per strada, per ascoltarvi e diventare protagonisti di una nuova e straordinaria vittoria e insieme a voi mi candiderò a sindaco di Roma. Da settembre sarà attivo il sito 'Romapartecipa.it' per raccogliere le idee migliori"

Con queste premesse, nel corso della "Festa popolare" di San Cosimato dedicata al bilancio dei suoi 4 anni di lavoro nell'amministrazione provinciale, il presidente uscente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, ha sciolto ogni riserva sulla sua candidatura alle Elezioni comunali di Roma del 2013, presa in esame dalla nostra rubrica “Il Sindaco di Roma sei tu” che si propone di raccogliere idee, suggerenti e critiche prima di settembre.

Oltre all’elenco dei successi dell’amministrazione provinciale, che vanno dal wi-fi al Fotovoltaico passando per Porta Futuro, e le critiche al sistema che amministra la città e privatizzare Acea, nel corso della Festa-bilancio presentata con lo slogan “Ne abbiamo combinate di tutti i colori. Quattro anni di idee diventare realtà per città più vivibili”, l’aspirante Sindaco di Roma arriva anche ad auspicare una nuova classe dirigente.

"E' tempo di cominciare a costruire una speranza, di costruire un'alternativa, è tempo di costruire un nuovo progetto anche a Roma. E' necessario selezionare una nuova classe dirigente con nuovi metodi. Non cederò mai all'antipolitica perché sono consapevole che la politica serve ai più deboli contro i più forti. L'antipolitica nasce spesso perché la politica mostra il suo lato peggiore. Basta alla politica delle oligarchie alle spartizioni interne, perché così la città muore. Tutti dobbiamo essere protagonisti e partecipare a un nuova costruzione della città"

.

Tante belle parole in festa che non hanno incassato subito il dossier su "la vera storia dell'amministrazione Zingaretti: oltre agli annunci e agli sprechi il nulla", presentato dal gruppo consiliare del Pdl alla Provincia di Roma, affiancato dai coordinatori di Roma e Lazio Gianni Sammarco e Vincenzo Piso.

Un dossier articolato in 7 capitoli, che potete scaricare qui, ed evidenzia e contesta le scelte della giunta provinciale in materia di edilizia scolastica (il 90% degli istituti non è a norma), sulla viabilità (cartellonistica selvaggia), sul sociale (tra cui il WiFi più costoso d’Europa), sulle spese in somma urgenza e società in house, sul patrimonio, sulla "farsa della Consulta Antimafia" e le "spese pazze di Zingaretti", come la Provincia di Roma.

Un piattino accompagnato da una grossa saponetta simbolica dedicata a "Zingaretti er saponetta: sfugge scivola e scappa", che gli esponenti di Giovane Italia di Roma hanno destinato al presidente con 10 domande, sui temi dell'edilizia scolastica, sugli sprechi della Provincia di Roma, sull'acquisto di una nuova sede...

Aspettare la risposta dell'uomo che non si tira indietro, e ben prima che Romapartecipa.it inizi a raccogliere le idee migliore, e Nicola ci bussi alla porta di casa, noi abbiamo però il tempo e questo spazio per le nostre considerazioni.

  • shares
  • Mail