Pigrizie romane: Totti e il "lavoro part-time"

Totti in maglia azzurra - Flickr: ifoppaLa premiata coppia Totti-Blasi non smette mai di stupirci. Dopo averci deliziati tutti chiamando la propria neo-bimba Chanel - sulla scia degli strani nomi dei figli di Beckam e signora - ora Francesco se n'è inventa un'altra delle sue: il giocatore in nazionale "part-time".

"Ora vado in vacanza e penso alla famiglia e al riposo. A luglio telefonerò a Gigi Riva, che è il mio riferimento azzurro, e gli dirò come sto e che cosa penso di fare" avrebbe dichiarato, secondo quanto scrive il Messaggero. E "cosa pensa di fare" sarebbe - come ci riportano anche i nostri colleghi di Calcioblog - giocare con la Nazionale solo nelle partite più importanti.

Una sorta di lavoro part-time, insomma, che gli permetterebbe di godersi le glorie della squadra azzurra pur portando avanti i suoi impegni con la squadra capitolina che lo ha visto crescere. Sempre che il part-time non si estenda anche agli accordi con la Roma, ovviamente.

Ora il mister Donadoni è chiamato a dare una risposta al bomber giallorosso, anche se per ora pare proprio non essere intenzionato e voglia rimandare il tutto al dopo partita con la Lituania. Si prospetta però una risposta negativa, in quanto accettare le condizioni di Totti potrebbe rappresentare un pericoloso precedente.

Che Francesco si sia lasciato confondere dal suo recente impegno come testimonial per la Vodafone, e ora creda di poter "tirare sul prezzo" per ottenere una tariffa più conveniente nella sua partecipazione alla Nazionale? Non si sa. Per ora possiamo solo dire una cosa, di fronte a tali richieste: onor di patria, adieu.

  • shares
  • Mail
46 commenti Aggiorna
Ordina: