"Roma ladrona"? Recuperato (nel Nord-Est) un dipinto di Giandomenico Tiepolo: valeva un milione di euro

Circa un milione di euro: è questo il valore - esorbitante - del quadro di Giandomenico Tiepolo rubato a Roma nei mesi scorsi e recuperato oggi dai Carabinieri di Pordenone a Portogruaro, in provincia di Venezia. Datato al 1765, era stato venduto in uno di quei piccoli mercatini del Nord-Est, per poche migliaia di euro (quando si dice "capirne di arte").

"Scena carnevalesca", così s'intitolava la tela (di 89 per 110 centimetri), è stata recuperata dalle forze dell'ordine insieme a numerose altre opere: ben 93, fra le quali anche una icona greco-ortodossa, dal valore inestimabile. Di queste, quattordici sono state rubate a famiglie nobili e (ricchi) liberi professionisti.

Quasi tutte, comunque, sembrano essere state trafugate da ville e abitazioni di "gente bene" della Capitale e in genere del territorio laziale. L'organizzazione - composta da circa 10 persone e ben strutturata - provvedeva poi a rivenderle utilizzando i mercatini delle città del Nord-Est. Un mercato non indifferente, insomma.

Dopo una cinquantina di perquisizioni in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Lazio, le indagini proseguono per identificare tutte le varie persone coinvolte nei traffici. Stavolta niente "Roma ladrona", è stata la Capitale ad essere vittima di furti. Da parte di gente del Nord? È ancora da chiarire: di certo, fra chi i quadri li ha acquistati favorendo il reato, molti erano del Settentrione. Cosa diranno i leghisti?

foto | Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: