Roma arDente: Sydd ai Colli Portuensi

Ci abbiamo messo un po’ a visitare questo locale che nel quartiere ha aperto già da due anni e che si vanta di essere specializzato in vini, crostacei e dessert, connubio davvero interessante che varrebbe già una cena. Complice la bella stagione che ha spinto all’esterno alcuni tavoli del ristorante, nel giro di una settimana ci capitiamo due volte ed entrambe ci alziamo soddisfatti nel palato e nel portafoglio.

Dicevamo che Sydd, uno di questi ristoranti lounge bar d’ispirazione moderna e minimale, dai colori un po’ freddi e dalle forme squadrate, ha aperto le sue vetrate e ricavato una terrazza rialzata sul marciapiede lungo i Colli Portuensi, ricavandosi uno spazio riparato dalla carreggiata, quindi non avrete l’impressione di cenare ‘in braccio’ ai passanti (peraltro pochi la sera in questa zona) e neppure alle auto in transito.

Peccato l’illuminazione all’esterno sia scarsa e così, se non vi sarete seduti in favore di luce, dovrete per forza farvi leggere il menu da chi vi accompagna. Le proposte più interessanti, effettivamente, sono quasi esclusivamente di pesce, mentre per la terra prevalgono nettamente i piatti della tradizione romana, con appena qualche rivisitazione.

Il consiglio è di gettarvi a capofitto su un antipasto misto che, se l’opzione coinvolge l’intero tavolo, sarà più ricco nella quantità e nella qualità. Noi abbiamo assaggiato palline fritte di rucola e grana, filetti di baccalà in pastella su una vellutata di ceci e gamberi fritti con crema di zucchine. Originali anche i polpetti alla Luciana serviti in crosta di pane e il tortino di patate con crema di parmigiano e tartufo.

Per concludere un’ottima parmigiana curiosamente leggera e un delicato souté di cozze. Tanti i primi nel menu che gioca molto sull’alternanza di pasta lunga e corta, anche particolare come i garganelli. Io ho provato i raviolacci di patate con sugo di pomodoro e menta e devo dire che sono rimasta molto contenta. Strabilianti anche i paccheri all’imperiale, pieni di frutti di mare e serviti in una ciotola molto scenografica, un tantino decisi, secondo il mio gusto, invece, i tonnarelli con bottarga.

Lasciatevi ibero un posticino per il dessert che è degno di nota: oltre ai vari sorbetti al pistacchio, all’amaretto o al frutto della passione, e a tiramisù e cheesecake che qui solo nel nome appaiono tradizionali, io vi suggerisco il tortino con cuore caldo di cioccolato bianco: mi ha rimesso davvero in pace con il mondo! Il conto, pur avendo annaffiato abbondantemente il pasto con acqua e vino bianco, ammonta a 30-35 euro a persona.

Sydd Open Lounge Bar
Viale dei Colli Portuensi, 99
00151 – Roma
Tel 06 58205084
www.syddristorante.it

Foto | syddristorante.it

  • shares
  • Mail