La settimana dei Municipi: tutta una protesta

Il caldo soffocante che attanaglia Roma e che non ci lascerà, molto probabilmente, per almeno un’altra settimana, non smorza le proteste nei vari Municipi della Capitale, dove i motivi per manifestare non mancano.

È proprio il caldo alla base della protesta di Sel del Municipio XIII contro la precaria condizione della Roma-Lido, particolarmente congestionata in questo periodo, ma altrettanto disastrata, con aria condizionata che non funziona in molti vagoni e vetri rotti… sempre a Ostia, alcuni militanti di Casapound hanno occupato l’ex scuola elementare ‘Do.Re.Mi.Diverto” chiedendo a gran voce che la struttura fosse presto riaperta.

E restiamo nel Municipio XIII, dove, invece, pare siano state trovate soluzioni che accontentano le famiglie dei bambini che frequentano gli asili ‘Solletico’ e ‘Pegaso’, che saranno dislocate, ma comunque non troppo lontano. Almeno così sostengono le istituzioni, e ogni tanto bisogna crederci, o, almeno, sperare.

Il Municipio XII mette le mani avanti nell’eterna bagarre targata Malagrotta, avvertendo che nel suo territorio sono già presenti diverse discariche: due a Porta Medaglia, due in Via Ardeatina, una a Fioranello, una a Selvotta, diversi recuperi ambientali tra Via Laurentina e Santa Palomba e per finire la mega discarica di rifiuti pericolosi a Falcognana. Della serie: non vi venisse in mente, eh?

E poi ci sono i precari e gli studenti che animano il Laboratorio Puzzle di via Monte Meta, che hanno simbolicamente occupato la presidenza del Municipio IV. Sono diverse settimane infatti, spiega una nota, "che il Comune minaccia di mettere fine a questa esperienza, composta da servizi per il territorio e da uno studentato autogestito, nonostante l'assegnazione degli spazi conquistata lo scorso maggio”.

Ma mi sono impegnata per darvi anche delle buone notizie, questa settimana: nel Municipio XVII sono state inaugurate le colonnine di ricarica per dodici nuove biciclette elettriche, a disposizione di tutti i cittadini dopo l'iscrizione ad un apposito registro e il pagamento di una piccola caparra. Si tratta del progetto ‘Carica!’ finanziato anche dalla Provincia. Roma, insomma, si muove sempre più su due ruote e qualche volta anche senza inquinare.

Infine, una bella storia, che forse non tutti conoscono: nel Municipio X, presso la struttura del consultorio familiare diocesano Quadraro, esiste un servizio di ambulatorio ginecologico che si rivolge prevalentemente alle donne con disabilità motorie e che è aperto 4 giorni a settimana. C’è dal 2004 e, come spesso accade in questi casi, si regge sui volontari, ai quali devono rendere grazie circa 70 donne l’anno.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail