Rifiuti a Roma, ordinanza della Regione: "Città pulita entro 7 giorni"

Il Presidente della Regione Lazio è intervenuto in modo diretto, e si spera anche risolutivo, sull'emergenza rifiuti che da diverse settimane sta coinvolgendo l'intera città di Roma.

Dopo le parole del nuovo ad di AMA Roma S.p.A., che aveva promesso una soluzione definitiva entro la fine del 2019, Nicola Zingaretti ha firmato questa mattina un'ordinanza che impone all'AMA di ripulire la Capitale entro i prossimi 7 giorni.

L'ordinanza impone all'AMA Roma S.p.A., la società municipale che si occupa della raccolta, del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti urbani su tutto il territorio della Capitale, si dare priorità alle aree vicino ai siti sensibili come ospedali, scuole, ristoranti e mercati: in questi casi si dovrà procedere a rimuovere i rifiuti e disinfettare l'area entro le prossime 48 ore.

Il resto della città, invece, dovrà essere ripulita entro 7 giorni. L'ordinanza, con validità fino al 30 settembre 2019, stabilisce che AMA dovrà dotare la città di ulteriori 300 cassonetti nell'arco di 3 giorni e dovrà operare nel minor tempo possibile anche ricorrendo al supporto di ditte appaltatrici.

Non solo. Entro i prossimi 7 giorni Ama dovrà verificare tutti i contratti in corso e saldare i debiti con i fornitori e mettere in funzione il tritovagliatore di Ostia, alle porte di Roma. I rifiuti della Capitale, inoltre, non potranno lasciare la regione Lazio e dovranno essere quindi smaltiti nei vari impianti situati entro il confine regionale.

AMA Roma S.p.A. e il Comune di Roma dovranno fornire aggiornamenti alla Regione Lazio ogni tre giorni e le aziende sanitarie della Capitale saranno incaricate di attuare i protocolli di verifica e monitoraggio.

Sull'emergenza rifiuti a Roma è arrivato il momento di fare chiarezza. Dalla Regione Lazio come sempre massima collaborazione e massima responsabilità. Ecco cosa prevede l'ordinanza per risolvere con urgenza questa situazione, segui la diretta

Posted by Nicola Zingaretti on Friday, July 5, 2019
  • shares
  • Mail