Capodanno 2018, botti vietati a Roma: Virginia Raggi firma l'ordinanza

"I botti e le esplosioni, com'è noto, rischiano di provocare incidenti soprattutto nei luoghi affollati e in presenza di minorenni"

Capodanno a Roma

Si preannuncia un Capodanno senza botti per la Capitale. La sindaca Virginia Raggi ha firmato oggi l'ordinanza che viete l'uso di materiale esplodente - fuochi d'artificio, razzi e altri giochi pirotecnici - dalle 00.01 del 31 dicembre alla mezzanotte del 31 gennaio 2019 su tutto il territorio di Roma Capitale.

Dal divieto sono invece esclusi i più innocui bengala, le trottole e le girandole luminose, così come le fontane e le bacchette scintillati, tutto ciò che non risulta pericoloso.

La sindaca, nel rendere noto la firma dell'ordinanza, ha spiegato di averlo fatto per tutelare l'incolumità dei cittadini che saranno in giro per Roma per accogliere l'arrivo del nuovo anno:

Nostro dovere è tutelare l'incolumità dei cittadini e la loro sicurezza, in particolare durante i numerosi eventi organizzati in città in occasione dell'ultima notte dell'anno. I botti e le esplosioni, com'è noto, rischiano di provocare incidenti soprattutto nei luoghi affollati e in presenza di minorenni. Per non parlare degli effetti negativi sugli animali. Voglio quindi augurare a tutti coloro che decideranno di festeggiare a Roma l'arrivo del nuovo anno, di poter trascorrere una serata in serenità e all'insegna del divertimento.

Roma si aggiunge così alla lunga lista delle città che, per il Capodanno 2018, non permetteranno l'uso di fuochi d'artificio e spettacoli pirotecnici.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail