Italia - Germania e la difesa al diritto dei caroselli

Caroselli a Roma dopo Italia Germania

Dopo la vittoria al Derby dello Spread, Come a Milano, e in tutta Italia, anche e soprattutto Roma ha vissuto ieri una "notte magica", fatta di caroselli e clacson, tricolori e festeggiamenti. Qui potete vedere le scene subito dopo la partita Italia - Germania, a piazza Venezia, mentre su twitter impazzava quello social network.

Oggi, a mente fredda, molti storcono il naso per questa ennesima dimostrazione di patriottismo pallonaro, mentre il paese soffre una crisi epocale. Ma il sottoscritto, che aveva predetto questo tipico atteggiamento italico prima che partissero gli Europei di calcio, francamente non se la sente di partecipare al coro rovesciato degli snob "post" partita.

Io no. L'Italia vince una partita importante contro pronostici e cabala, e fa capire quanto questo (non-)sport serva alle masse per uno sfogo sociale e collettivo. Chi affollava le piazze dei maxischermo (il prossimo al Circo Massimo) Ripeto quello che ho spesso provato a spiegare agli amici sani e fortunati, non contagiati dal tifo terminale.

Caroselli a Roma dopo Italia Germania
Caroselli a Roma dopo Italia Germania
Caroselli a Roma dopo Italia Germania
Caroselli a Roma dopo Italia Germania

Il calcio attira tanto la gente e la rovescia nelle strade perché, come spiegava ottimamente Nick Hornby nel suo Fever Pitch, illude la partecipazione reale della folla, che potrà essere raggirata quanto volete dal teatrino commerciale, corrotto, finto, ma il tifoso partecipa e parteggia in totale buona fede. Non riceverà nulla in cambio. Solo passione. E' una sorta di eredità del coro ditiriambico greco.

Il calcio non è un gioco. Nemmeno, appunto, uno sport. E' un pezzo di vita. E' tragedia. E fra gli ultimi territori di totale sfogo sociale esiste la dimensione del tifoso (badate bene, non parliamo di gruppi organizzati, gerarchici, magari anche prezzolati, ma di spontanea voglia di partecipazione). Che male c'è se un per una notte il cittadino italiano si riscopre fiero, e vive il suo piccolo delirio di rivincita dopo tante umiliazioni? Certo, dovrebbe ricordarlo anche dopo, al mattino, per cambiare qualcosa di questo paese in ginocchio.

Ma voi avete mai visto un tedesco (sì, ieri, e piangevano), uno spagnolo, un inglese che segue la nazionale di calcio? La Germania si è ricostruita grazie ad un mondiale vinto in circostanze sospette in Svizzera nel 54. La Francia ha frenato il dilagare dei conflitti razziali grazie a Zizou. La Spagna risolve le sue guerre interne solo dietro alle Furie Rosse. I cittadini di questo social network politicamente corretto (e corrotto) che è il mondo moderno, hanno ancora bisogno di credere in qualche cosa che non sia la sola illusione del consumo... E Le altre ideologie, religioni, comprese, non se la passano benissimo.

Caroselli a Roma dopo Italia Germania
Caroselli a Roma dopo Italia Germania
Caroselli a Roma dopo Italia Germania

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: