Atac, Trambus, Metro e Cotral – Un futuro in un’unica azienda

Atac, Trambus, Metro e forse anche Cotral tutte unite in un’unica agenzia del trasporto pubblico locale a Roma e nel Lazio. Maggiore integrazione tra i servizi e biglietti ad un prezzo unico. E’ il futuro del trasporto pubblico romano e laziale. Ma perché una simile operazione? Converrà ai cittadini?

Per rispondere a queste domande è necessario partire da un dato: il 1 gennaio 2008 finirà il periodo dell’assegnamento del servizio pubblico senza gara. Tradotto? Per il trasporto pubblico locale si aprirà la fase della liberalizzazione ed entreranno in gioco colossi europei del settore. Il che vuol dire due cose: che potremmo vedere nuove aziende che gestiranno le nostre linee di aurtobus e tram e che le stesse Atac e cugine, se non si riorganizzano, potrebbero essere "mangiate" da qualche gruppo internazionale. La strada delle tre aziende del trasporto romano, Atac per gli autobus, Trambus per i tram, e Metro per le metroplitane e le ferrovie regionali, sembra così portare ad un'aggregazione con la benedizione del Campidoglio. L’ultima è che su stimolo regionale anche la Cotral, l’azienda che gestisce gli autobus sulle tratte regionali extraurbane, potrebbe unirsi, salvo via libera da parte del Comune.

Torniamo alla domanda iniziale. Converrà ai cittadini? Di solito le liberalizzazioni portano vantaggi. E le aggregazioni, seppur a rischio esuberi, mettono in moto economie di scala. Speriamo bene, per i lavoratori e per noi cittadini utenti.

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: