La via del mare: idee e possibili soluzioni

via del mare a Roma Ci segnalano la nascita del blog (viadelmare.blogspot) realizzato da una pendolare quotidiana che lamenta la situazione da incubo della storica via del mare. Chi non è rimasto almeno una volta nella vita imbottigliato in una fila estenuante sulla via che da Roma porta direttamente agli stabilimenti sul mare?

Ecco quanto si denuncia:

Quello che si chiede è che sia istituita una carreggiata unica e la netta separazione dei sensi di marcia (uno sulla via del Mare e l'altro sull' Ostiense da Roma ad Acilia e viceversa). La viabilità dell'Ostiense risulterebbe in tal modo notevolmente alleggerita, consentendo a pendolari e residenti di non dover più sopportare l'estenuante attesa di lunghe code in entrata e in uscita da Acilia.

Il problema è stato più volte sollevato alla Regione Lazio, al Comune di Roma e alla Provincia perché la competenza della strada nella sua totalità sembra appartenere a tutte e tre queste amministrazioni. Ma successivamente non si è saputo più nulla...perché mancano i fondi…??
Tanti, e poco efficaci, sono stati gli interventi «tampone» realizzati in questi anni per la messa in sicurezza dell'arteria: dall'asfalto drenante, al sorpassometro, i velox per la registrazione della velocità media e poi il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, sono solo tentativi per "calmare le acque" in attesa di una soluzione definitiva.

Ma quando si verificherà, per la Via del Mare (inizialmente di competenza Anas, poi della Regione Lazio e ora di Comune e Provincia) l'intervento risolutivo, e cioè la trasformazione della via del Mare e della laterale Ostiense, attualmente entrambe a doppio senso di marcia, in un sistema unico grazie al quale sarà possibile modificare la viabilità dell'intera zona?

Considerando gli incidenti mortali quotidiani, gli schianti frontali causati da sorpassi azzardati (il limite di velocità è 70 e in alcuni tratti scende addirittura 50 Km/h!) e i numerosi tamponamenti a catena anch'essi quotidiani, la messa in sicurezza significa: separare le due strade, realizzando per ognuna il senso unico, e ridisegnare le entrate e le uscite dei numerosi insediamenti abitativi presenti lungo tutto il percorso (Vitinia, Giano, Casal Bernocchi, ecc.) .

Per il miglioramento sostanziale della viabilità non è sufficiente la realizzazione della bretellina di via dei Romagnoli (un piccolo rondò che smisti il traffico in arrivo da Roma sulla via del Mare e riservi al solo traffico locale il tratto urbano di via dei Romagnoli), bensì l'adeguamento delle due arterie dal chilometro 1 al 25.

Certo che sarebbe un sollievo per gli abitanti del Municipio XIII se si facesse qualcosa. Se visitate il blog potete dire la vostra ed affrontare i vari temi, dare suggerimenti e inviare delle segnalazioni con data, ora e note. Inoltre è la maniera per proporre una eventuale petizione a favore della via del mare a senso unico. Fate qualche segnalazione qui: può essere l'inizio.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: