Raggi: "M5S è con me". Romeo: "Polizza per stima e amicizia nei suoi confronti"


"Grillo mi ha detto: polizze per tutti". Così Virginia Raggi prova a scherzare con i giornalisti in Campidoglio, il giorno dopo dell'interrogatorio di 8 ore sul caso Marra in cui è scoppiato anche il "caso polizze".

La sindaca di Roma ha dichiarato oggi di non aver intenzione di dimettersi, spiegando di avere la fiducia di Beppe Grillo e del Movimento: "Mi sento ancora nel M5S e non penso affatto alle dimissioni".

Raggi, che ieri si era detta "sorpresa" sulla polizza a suo nome intestata da Salvatore Romeo, oggi ribadisce:"La polizza? Non ne sapevo nulla, queste polizze possono essere fatte senza informare il beneficiario, non devono essere controfirmate".

Secondo diverse fonti di stampa, la causale indicata nella polizza recita "rapporti personali".

Salvatore Romeo affida a Facebook la sua spiegazione dei fatti: dice di aver stipulato diverse polizze "perché offrivano un rendimento certo" e perché c'era la "possibilità di incassare il capitale con un riscatto totale o parziale in caso ne abbia bisogno". Andava dunque fatta - secondo la ricostruzione di Romeo - indicazione del beneficiario terzo in caso di morte: "Non avendo moglie né figli, ho indicato fra i beneficiari, sempre e solo in caso di mia morte, le persone che più stimo. E fra queste c’è anche Virginia Raggi".

Perché ha scelto Virginia Raggi? "Per una grande stima e amicizia nei suoi confronti, così come ho fatto con le altre persone negli altri prodotti finanziari su cui ho investito".

Romeo infine chiarisce: "Non c’è stata e non c’è alcuna relazione fra me e Virginia Raggi. Di conseguenza, procederò legalmente contro chiunque riporti i fatti in maniera distorta o diversa da quanto sto dichiarando".

  • shares
  • Mail