Roma: Atac cerca 250 controllori volontari tra i dipendenti

Atac sta cercando risorse interne da utilizzare come controllori sui bus. Per l'esattezza i nuovi controllori saranno 250 e arriveranno da una selezione su base volontaria tra i dipendenti che ora lavorano dietro le scrivanie.

Così lo comunica Atac in una nota: "Atac ha approvato un piano gestionale finalizzato all'incremento del personale operativo, e precisamente degli agenti di stazione e del personale di verifica biglietti. La procedura, attuata oggi attraverso specifica disposizione gestionale, verrà attivata solo su base volontaria ed è indirizzata a tutto il personale non di front line, ed è finalizzata a reperire 250 risorse da dedicare alle attività per cui è previsto il rinforzo operativo".

L'iniziativa, spiegano dall'azienda, mira a "incrementare l'efficacia di Atac sul territorio e rafforzare i ruoli operativi, oltre che efficientare la spesa per il personale di staff".

L'iniziativa è stata commentata positivamente dall'assessora Meleo: "I cittadini ci chiedono più controlli su metro e bus. La lotta all’evasione sul trasporto pubblico è per quest’amministrazione una priorità. Per questo abbiamo chiesto ad Atac di avviare un interpello, una call interna, per aumentare il numero dei controllori".

L'assessora aggiunge che "Il nostro obiettivo è attuare un piano straordinario di lotta all’evasione che possa portare non solo ad un incremento massiccio dei controllori ma soprattutto al recupero di milioni e milioni di euro. Risorse che potranno poi essere reinvestite per rilanciare la stessa Atac e migliorare così la mobilità della Capitale".

Critico invece Claudio De Francesco, segretario regionale Faisa Confail: "Perché non si va a stanare e reimpiegare quelle risorse imboscate ma con mansione di verificatore? A chi fa comodo tutto ciò?".

  • shares
  • Mail