Roma, troppe buche nelle strade: due corse podistiche annullate ad Ostia

Il X Municipio di Ostia ha deciso di annullare le corse podistiche 'Trenta del mare di Roma' (9 ottobre) ed il 'Trofeo Lidense' (gennaio 2017) per le troppe buche nelle strade

Le corse podistiche 'Trenta del mare di Roma' ed il 'Trofeo Lidense' non si svolgeranno a causa delle troppe buche nelle strade di Ostia. Questa la paradossale e triste novità di oggi che riguarda gli appassionati di podismo della Capitale d'Italia e non solo. La 'Trenta del mare di Roma', in programma per il 9 ottobre, è saltata con pochissimo preavviso a causa del diniego da parte del X Municipio con la seguente motivazione: "le strade di Ostia sono piene di buche e il Municipio non ha i fondi per ripararle". Questo è proprio quello che c'è scritto nel dispositivo ufficiale con il quale si nega l'autorizzazione (Link).

Al tempo stesso è stata anche negata l'autorizzazione per il 'Trofeo Lidense', in programma a gennaio e su un percorso diverso perché "a novembre e dicembre pioverà e si formeranno sicuramente altre buche". In questo caso i disagi sono stati inferiori rispetto a quelli per l'annullamento della 'Trenta del mare di Roma', per la quale gli organizzatori avevano già raccolto da tempo le quote di partecipazione ed avevano anche reinvestito parte di quei soldi per acquistare i materiali necessari. Il denaro verrà restituito agli atleti delusi, ma ovviamente questa scelta dell'amministrazione danneggerà l'associazione A.S.D. Run Race Management promotrice dell'evento, così come gli atleti che sarebbero venuti da fuori Roma e che quindi avevano già prenotato da tempo treni, aerei e alberghi per partecipare all'evento.

Questa l'amara considerazione nel comunicato ufficiale della A.S.D Run Race Management, che ha giustamente criticato anche la tempistica di questo diniego: "Considerando che la situazione del manto stradale ha un degrado conosciuto da anni e che fino a oggi tale circostanza non ha mai rappresentato un ostacolo allo svolgimento di gare podistiche e ciclistiche, la decisione del Municipio ci lascia sconcertati e amareggiati, tanto più perché comunicata con notevole ritardo rispetto a quanto richiederebbe la prassi di un normale iter burocratico. Oltre a causare danni economici alla nostra associazione, il diniego allo svolgimento della gara ha provocato disagi alle centinaia di atleti che, pagando oltretutto la quota di iscrizione nei tempi previsti, avevano programmato la partecipazione alla stessa quale allenamento propedeutico alle loro maratone autunnali; alcuni di essi, inoltre, provenendo da fuori regione avevano già prenotato il soggiorno negli alberghi del litorale, e sono facilmente intuibili i problemi e i danni che tale decisione ha loro provocato" (Qui il comunicato completo).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail