Ignazio Marino al ballottaggio voterà per il M5S e Virginia Raggi

Continua il forte scontro tra Ignazio Marino e il Pd di Matteo Renzi. L'ex sindaco della capitale, intervistato oggi su La Stampa, ha preso posizione sul ballottaggio con quella che è a tutti gli effetti una dichiarazione di voto a favore di Virginia Raggi e del Movimento 5 Stelle.

In realtà Marino dice che voterà Giachetti solo ad una (impossibile) condizione: "Se Giachetti si presenta con un foglio firmato da Renzi in cui dice che è stata un’azione gravissima deporre il sindaco con un atto notarile, lo voto. Altrimenti, mi dispiace, non posso votarlo".

Il giudizio sul Partito Democratico è nettissimo: "È in atto una strategia suicida del Pd, un partito che ho contribuito a fondare ma così com’è dev’essere totalmente rifondato. Questo non è il mio Pd, un partito che silura il suo sindaco, umilia la città mandando un commissario e poi cerca di imporre come sindaco un fedelissimo del premier ex capo di gabinetto di Rutelli".

Sul ballottaggio, dopo aver ricordato che molti dei suoi elettori hanno votato Raggi già al 1° turno, Marino dice: "Voterò sicuramente, ma non voterò turandomi il naso, non sono tipo. Voterò respirando a pieni polmoni. Vorrei due impegni: uno, la promessa scritta che chi vince non farà più debito, quindi la continuità con la mia gestione. Due, l’impegno a non fare più porcherie politiche come quella imposta a me".

  • shares
  • Mail