Sciopero AMA a Roma, rifiuti in strada e adesione all'80%

E' in atto uno sciopero nazionale del settore igiene ambientale proclamato per 24 ore da FP Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel: a Roma la mobilitazione in AMA, la municipalizzata dei rifiuti, ha preso il via questa notte e cominciano a vedersi gli effetti (a dire la verità già da mesi la città soffre non poco i problemi di raccolta e smaltimento).

Secondo quanto dichiarato all'Ansa dal segretario generale della Fp Cgil Roma e Lazio Natale Di Cola "L'adesione dello sciopero nazionale in Ama supera l'80% al primo turno di lavoro. La manifestazione regionale dei lavoratori dell'igiene ambientale davanti alla sede di Utilitalia è stata così partecipata che non siamo riusciti a contenere i manifestanti che hanno pertanto invaso la strada e bloccato temporaneamente la circolazione in via Cola di Rienzo".

Nei giorni scorsi il presidente dell'Ama Daniele Fortini ha invitato la cittadinanza a collaborare tenendo in casa i sacchetti dell'immondizia ma la problematica non è per nulla facile da dipanare: in vista anche del ponte del 2 giugno infatti, con una città che raccoglie i rifiuti lasciandoli già per diversi giorni nei cassonetti stradali (che poi è come avere tante minidiscariche di servizio sparpagliate per le vie della città) e che produce già più rifiuti di quanti non riesca a smaltirne negli impianti comunali e regionali la situazione rischia di diventare critica in pochi giorni.

A questo si aggiunge il primo caldo estivo, che per il ponte del 2 giugno è previsto incisivo in città.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: