Tessere il futuro...cominciamo da Roma!


Il 5 maggio in via Gorizia, presso la Cooperativa Niente troppo, Libreria "Tra le righe", si svolgerà l’incontro nonché il gustoso aperitivo con Soledad Bordegaray il presidente de "La Juanita", una cooperativa di ex disoccupati della periferia più povera di Buenos Aires che con l'aiuto di Ctm altromercato cura il confezionamento delle magliette di cotone e che ci farà forse aprire gli occhi mostrando quanto i nostri consumi influiscano sulla stato globale dell'ambiente e sulle condizioni di vita di troppa gente.

Arrischiarsi nella complicata genesi del cotone che finisce sui nostri vestiti significa avventurarsi in un marasma solfureo di storie da capanna dello zio Tom, quando ancora echeggiavano le orribili eco degli schiavi nei campi di cotone, oggi sommerse e perfettamente orchestrate da multinazionali compiacenti e senza scrupoli.

Eppure c’è la possibilità, almeno in parte, di lenire tutto ciò o quantomeno di esserne un po’ meno complici. “Diventa il cambiamento che vuoi vedere nel mondo” cominciando dal cotone, da una maglietta se non proprio dai fedelissimi Jeans, acquistando capi al commercio equo e solidale oppure, cercando almeno di "capire" prendendo parte a questo incontro quasi irripetibile.

Proprio oggi indosso una bella maglietta: la mia preferita, bianca, semplice quanto basta a regalarmi il senso del pulito e dell’estate, anche in questi bui giorni di pioggia. Bella! Pulita! Forse perché non ho mai realmente riflettuto sul costo effettivo di questo pezzo di cotone, uno dei prodotti peggiori dal punto di vista ecologico e sociale, responsabile di vere e proprie violenze ambientali e sociali, pietra miliare di un mercato che viola constantemente i diritti umani, specialmente nel sud del mondo…

In via Gorizia, Sabato, io ci sarò e c'è da scommetterci: non sarò la sola!

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: