Roma: santini e gadget made in China raffiguranti Papa Francesco. Gdf sequestra 340 mila souvenir

NEW YORK, NY - SEPTEMBER 24:  A street vendor sells Pope Francis merchandise ahead of the arrival of Pope Francis at St. Patrick's Cathedral on September 24, 2015 in New York City. Pope Francis will land at John F. Kennedy Airport after a two-day visit to Washington D.C. and will conduct a number of events while in New York including a motorcade through Central Park and Mass in Madison Square Garden.  (Photo by Justin Sullivan/Getty Images)

Ieri, 1 maggio 2016, la Guardia di Finanza ha sequestrato 340 mila souvenir nel rione di Borgo Vittorio, a Roma. C'erano molti santini e quadretti raffiguranti Papa Francesco, ma tutti senza l'opportuna certificazione. La merce requisita serviva a rifornire i venditori ambulanti abusivi, che perseguono il loro "business" in occasione del “Giubileo della Misericordia”.

I souvenir erano stipati in un fatiscente magazzino, di proprietà di tre uomini di origine cinese, che sono stati prontamente denunciati. Le indagini sono iniziate la settimana scorsa nella zona di Porta Maggiore, dove la Guardia di Finanza aveva fermato per un controllo di routine un furgone.

All'interno del magazzino c'erano numerosi scatoloni made in China. I souvenir rinvenuti, tra i quali anche calamite e portachiavi, raffigurano, a seconda dei casi, l’effige del Papa, gli stemmi di Città del Vaticano e della tiara papale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail