Sala Troisi a Roma Trastevere, bando vinto dal Piccolo America Occupato

piccolo-america.jpg

Sarà il Piccolo America a gestire la Sala Troisi di Roma: esultano i ragazzi dell'Associazione Piccolo Cinema America che hanno vinto il bando del Campidoglio per l'assegnazione del cinema a Trastevere.

La storia del cinema Induno, di proprietà della famiglia Ferrero, aveva avuto come suoi ultimi passaggi la riappropriazione da parte del Comune di Roma e poi il successivo bando pubblico per la riassegnazione.

A vincere il bando sono stati i ragazzi del Piccolo America, che hanno festeggiato con un post su Facebook: "Abbiamo vinto il bando per l’assegnazione della Sala Troisi di Via Induno, esclusivamente sulla base della nostra storia e della nostra idea di spazio culturale e sociale polivalente. Oggi proseguiamo ancora con la nostra identità e spensieratezza quella “Brutta, sporca e cattiva”, di chi è pronto a tutto per ciò in cui crede.

L'Associazione sottolinea il cambio radicale: "La sala trasteverina è passata dall’essere occupata sine titulo da una delle più grandi società dell’esercizio cinematografico, la Mediaport SRL di Giorgio Ferrero (anche presidente di ANEC LAZIO e nipote del Viperetta della Sampdoria), all’essere data in gestione alla più piccola e giovane esperienza politica, culturale e sociale che abbia mai messo piede nel settore cinematografico, costituitasi tra l’altro in associazione culturale non a scopo di lucro".

Quale sarà la programmazione culturale della nuova sala Troisi? "Questo spazio non sarà una sala cinematografica come l'avete vista fino ad ora, bensì un operatore culturale vivente, una palestra di democrazia, un laboratorio di rapporti sociali, un presidio di ragazzi a tutela dei territori e di valori come l’antifascismo e l’antirazzismo".

La Sala Troisi è a Trastevere, in Via Girolamo Induno 1.

  • shares
  • Mail