Roma, sul lungotevere il più grande murale del mondo

Inaugurerà per il 21 di aprile e sarà opera dello street artist William Kentridge.

La più grande opera di street art al mondo apparirà entro il 21 di aprile, in tempo per il Natale di Roma, sul lungotevere. A dare vita al murale sarà William Kentridge, che lavorerà a una grande "tela" della lunghezza di 550 metri che troverà posto lungo i muraglioni del Tevere tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini.

Il lavoro, però, procederà per sottrazione: non sarà aggiunta vernice, ma sarà ripulita la patina biologica nera che si è accumulata nel corso degli anni sui muraglioni. La pulizia, effettuata con tecniche di idropulitura, costituirà quindi le varie figure che affolleranno questa opera artistica.

Inevitabilmente, quindi, con il tempo l'opera verrà ricoperta dalla patina nera, nel giro si prevede di 5/6 anni: "È un'opera che emerge per poi venire riassorbita", ha spiegato Kentridge, che così conferma una delle caratteristiche della street-art, la sua temporaneità.

L'opera d'arte si chiamerà Triumphs and Laments, e raffigurerà alcuni dei trionfi e dei momenti critici vissuti dalla Città Eterna, in ordine sparso. Da Giulio Cesare e l'Impero Romano, fino alla morte di Pasolini. Da Anita Ekberg nella fontana di Trevi a Santa Teresa, Da Michelangelo a Marcello Mastroianni, saranno oltre 80 le figure alte fino a 10 metri che prenderanno vita su questa opera d'arte.

Foto | Facebook di Andrea Valeri

  • shares
  • Mail