ContrattoSubito, sindacati in piazza per il rinnovo del contratto nazionale

sindacati-in-piazza-a-roma.jpg

Sono oltre 20 i sindacati scesi in piazza oggi a Roma, guidati da Cgil, Cisl, Uil, Confsal e Gilda, per chiedere a gran voce il rinnovo del contratto nazionale per i lavoratori pubblici, scaduto più di sei anni fa, e lo stanziamento di adeguate risorse nella legge di Stabilità per i contratti pubblici.

Susanna Camusso, leader di Cgil, in testa al corteo insieme a Carmelo Barbagallo della Uil e Annamaria Furlan di Cisl, ha dichiarato:

Questo governo è malato di bonus. Dopo 7 anni di blocco non si può immaginare di dare 7 euro ai lavoratori. Dopodiché il tema non è rincorrere le cifre, ma la volontà del governo di non aprire al rinnovo dei contratti.

Roma parte il corteo dei lavoratori del pubblico impiego e dei servizi pubblici #contrattosubito

Posted by CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro on Saturday, November 28, 2015

Camusso parla per conto di oltre 700 mila lavoratori in decine di settori, dalla scuola alla sanità, dai servizi pubblici locali a sicurezza e soccorso, passando per università, ricerca, afam e privato sociale. E a chi le ha chiesto se è in programma uno sciopero generale, la leader di Cgil ha spiegato di non aver ancora deciso:

Decideremo sulla base delle risposte che riceveremo. Non ci fermeremo se non mettete risorse in legge di stabilità.

Stessa linea adottata da Carmelo Barbagallo, che ai presenti - 30 mila persone secondo quanto riferito dagli organizzatori - ha anticipato l’idea di uno scioperò, senza però citarlo chiaramente:

Se non si fa il contratto subito, entro l'anno, la prossima manifestazione non sarà né di sabato, né di domenica.


  • shares
  • Mail