Elezioni Roma 2016, ballottaggio. Raggi sindaco

Ballottaggio Roma 2016 Raggi - Giachetti

20 giugno, 00.00 - Prima foto per Virginia Raggi dopo la vittoria.


23.50 - Roberto Giachetti in conferenza stampa ammette la sconfitta: "Ho già chiamato a Virginia Raggi".

23.05 - Urne chiuse. I primissimi exit poll danno tutti un abbondante vantaggio per Virginia Raggi, che è per Emg/La7 tra il 62% e il 66%, mentre per Piepoli/Rai è tra il 64% e il 68%.

19.30 - Alle 19.00 solo il 35,25% degli aventi diritto si è recato a votare per eleggere il nuovo sindaco di Roma, un punto percentuale in meno rispetto alla media nazionale e ben 5 rispetto al primo turno, quando alla stessa ora aveva già votato il 40,01% degli elettori.

19 giugno 2016 – Ecco il giorno del ballotaggio anche per la capitale. A Roma, Raggi (M5S) o Giachetti (Pd) si contendono la poltrona di sindaco.

L'affluenza alle ore 12 è del 13,28%, contro il 14,12% del primo turno.

Elezioni Roma 2016: è ballottaggio Raggi-Giachetti

foto0727.jpg

6 giugno, 9.05 - Fasi finali dello spoglio a Roma. Sarà ballottaggio tra Virginia Raggi e Roberto Giachetti. La candidata del M5S stacca nettamente tutti i rivali: per lei il 35,5% dei voti.

La notte è stata caratterizzata dal testa a testa tra Giachetti (Pd) e Giorgia Meloni (FdI-Lega): il primo ha il 24,8% e la seconda il 20,6%. Alfio Marchini (FI) è poco sotto l'11%, Stefano Fassina (SI) si ferma al 4,5%.

Di Stefano (Casapound) è sopra l'1%, Mustillo (Partito Comunista) 0,8%, Di Francesco 0,6%, Adinolfi 0,6%, Rienzi 0,2%, Iorio 0,2%, Verduchi 0,1%, Maritato 0,06%.

9 marzo - Ecco tutti i candidati sindaco, i nomi ufficiali dopo la scadenza del termine di candidatura delle liste.

I principali candidati:
Virginia Raggi (M5s); Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia); Alfio Marchini (liste civiche e Forza Italia); Roberto Giachetti (Pd, Verdi); Stefano Fassina (Sinistra Italiana).

Gli outsider:
Dario Di Francesco; Mario Adinolfi (Il Popolo della Famiglia); Michel Emi Maritato (Lista civica AssoTutela); Simone Di Stefano (Casapound); Fabrizio Verduchi (Italia Cristiana); Carlo Priolo; Alfredo Iorio (Forza Nuova); Alessandro Mustillo (Partito Comunista), Enrico Fiorentini, Carlo Rienzi (Codacons).

16 marzo - Attualmente la situazione nel centrodestra, dopo la rottura tra Berlusconi e Salvini, vede due candidature ufficializzate: per Forza Italia il candidato è Guido Bertolaso; per Fratelli d'Italia e Lega la candidata è Giorgia Meloni.

9 marzo - Il quadro dei candidati sindaco a Roma per il 2016 vede già due nomi sicuri: si tratta di Virginia Raggi, candidata del M5S, e Roberto Giachetti per il Pd. Gli elettori di 5 Stelle e Partito Democratico hanno scelto i due nomi tramite primarie. Ancora non c'è certezza sul nome del candidato del centrodestra: Guido Bertolaso è l'uomo annunciato da un comunicato congiunto Berlusconi-Meloni-Salvini, ma poi il leader della Lega ha fatto dietrofront e così la candidatura Bertolaso non è ancora ufficiale. Il candidato di Azione Nazionale - La Destra è Francesco Storace.

12 febbraio - È improvvisamente riemersa la candidatura di Guido Bertolaso a sindaco di Roma: da Salvini, Berlusconi e Meloni è arrivata infatti la richiesta ufficiale all'ex capo della Protezione Civile di essere il candidato del centrodestra. La risposta del diretto interessato è arrivata a stretto giro di posta ed è positiva: Bertolaso è ufficialmente il candidato sindaco del centrodestra.

7 febbraio 2016 - Sembra essere già tramontata la candidatura di Guido Bertolaso a sindaco di Roma. Secondo quanto riportano le maggiori testate italiane oggi, l'ex capo della Protezione civile ha inviato una missiva a Silvio Berlusconi. Ivi, avrebbe comunicato la sua rinuncia alla corsa al Campidoglio per motivi familiari.

Per il centrodestra rimane invece in corsa l'imprenditore Alfio Marchini. Dopo aver rilanciato il simbolo del 'cuore spezzato' per la sua lista, ha ribadito la disponibilità ad essere il candidato del centrodestra. "Mi diranno che sono un visionario come Berlusconi, ma uniti si vince al primo turno", ha dichiarato ieri Marchini. Tuttavia, il suo nome non mette d'accordo tutti. Francesco Storace, leader de La Destra, ha già preso le distanze.

25 gennaio - Spunta un altro nome per il centrosinistra: è quello di Massimo Bray, ex ministro dei Beni Culturali del governo Letta che si candiderebbe in chiave anti-Giachetti (ma soprattutto anti-Renzi) con l'appoggio di Sel e dell'ex sindaco Marino.

Bray sarebbe intenzionato a correre senza passare per le primarie, anche se sulla sua pagina Facebook rivendica:

"Non ho mai fatto e mai farò scelte politiche per dividere.
Non appartengo a correnti e non farei mai una scelta contro qualcuno."

20 gennaio 2016 - C'è anche Guido Bertolaso nella rosa dei papabili candidati a sindaco di Roma del centrodestra berlusconiano. A rivelarlo è lo stesso Bertolaso, che non sembra chiudere a questa possibilità, anzi:

"Se ci fossero le condizioni per una candidatura al di sopra delle parti e dei partiti, penso a una lista civica con un programma molto preciso, potrei prenderla in considerazione perché io amo Roma e mi addolora vederla ridotta così. Mi servono le condizioni, senza questi giochetti politici. Io non sono mai stato un politico, e mai lo sarò. [...] ci vuole un manager in grado di far funzionare questa città che è allo stremo, quindi la politica e i giochetti politici contano poco. Quello che conta è curriculum, la capacità di fare e i programmi molto precisi per quello che si deve realizzare"

dice l'ex capo della Protezione Civile al quotidiano romano Il Tempo. La sfida, dice lo stesso Bertolaso, è di quelle che fanno "tremare i polsi". L'ex capo della PC ha rivelato anche che il pressing di Berlusconi affinchè accetti l'investitura è ogni giorno più pressante, anche se questo abbiamo imparato che non significhi granchè, nonostante Bertolaso sia da anni nelle grazie dell'ex Presidente del Consiglio.

15 gennaio 2016 - Roberto Giachetti è il primo candidato del PD che, è certo, correrà alle primarie per l'elezione del sindaco di Roma. A comunicarlo è lo stesso Giachetti con un video.

Stefano Fassina è invece, ufficialmente, il candidato di Sinistra Italiana mentre Giorgia Meloni sembra essere il politico più gettonato per il centrodestra: ha ricevuto anche l'investitura di Matteo Salvini. Alfio Marchini è fermo ad un 10% nei sondaggi e sembra allontanarsi da una possibile candidatura, se non autonoma, e il M5s deve ancora scegliere chi sarà il suo candidato.

9 novembre 2015 - Le dimissioni di Ignazio Marino hanno già di fatto lanciato la corsa alle elezioni a Roma nel 2016. Anche se è difficile prevedere gli scenari, è altamente probabile che si torni a votare alle comunali tra qualche mese, probabilmente a maggio 2016. Tuttavia, non ci sono obblighi di permanenza.

Dopo la nomina del commissario prefettizio, Francesco Paolo Tronca, i partiti politici si stanno già organizzando in vista del voto. Ecco il toto-nomi dei possibili candidati a sindaco per le elezioni 2016 a Roma, partito per partito.

I candidati sindaco del Pd

Nel Partito Democratico di Renzi sono diversi i nomi che girano, tra questi c'è Franco Gabrielli, attuale prefetto della città. Gabrielli è stato nominato dal Governo Renzi per "affiancare" Marino, a lui sono stati affidati poteri speciali in vista del Giubileo. Inoltre proprio il lavoro che Gabrielli sarà chiamato a fare nei prossimi mesi potrebbe metterlo maggiormente in luce anche agli occhi dei cittadini, rendendolo un potenziale buon candidato. Il problema principale sarebbe la scarsa voglia del prefetto di gettarsi nella mischia politica.
Roberto Giachetti rappresenta un'altra possibile ipotesi: romano, renziano, vicepresidente della Camera. Da sempre attento alle questioni locali romani, il suo sarebbe un nome "pulito" su cui il Pd potrebbe investire.
Tra gli altri nomi in ballo nel Pd: Alfonso Sabella, Mauro Moretti, Giovanni Malagò. E anche due ministri del governo Renzi: Paolo Gentiloni e Marianna Madia, con il primo poco tentato dal lasciare la Farnesina mentre la seconda forse considerata inesperta per il Campidoglio.
C'è poi l'ipotesi Nicola Zingaretti, che, secondo i rumors riportati da molte testate, non sarebbe nome sgradito a Renzi. Tuttavia, se si iscrivesse alla competizione, si dovrebbe cercare un suo sostituto alla Regione Lazio.
Tanti dubbi, una cosa però appare (quasi) certa: non ci saranno primarie nel Pd, Renzi vorrà prendere in prima persona (insieme al fedele Orfini) la decisione sul nome.

I candidati sindaco della Sinistra

A sinistra del Pd, è per il momento molto complicato capire come ci si muoverà. Sel potrebbe concorrere a primarie di coalizione del centro-sinistra, qualora ci fossero, ma non è detto che non si opti per strade alternative. A tracciarne una è stato Pippo Civati, leader di Possibile.
Secondo l'ex Pd, intervistato da Radio Cusano Campus, una soluzione potrbbe essere quella di appoggiare proprio l'ex sindaco Ignazio Marino. "Può essere sicuramente un interlocutore. Se dovesse chiederci una mano, anche in una sua nuova corsa a sindaco di Roma, sicuramente la troverebbe tesa", ha spiegato Civati. Tuttavia, in base ad alcune indiscrezioni, Nichi Vendola non sarebbe affatto favorevole. Più possibilista, invece, il coordinatore romano di Sel, Paolo Cento, che negli scorsi giorni ha detto: "Ci confronteremo con Marino, come con altri".
Stefano Fasssina, il 9 novembre 2015, ospite della trasmissione Agorà, apre invece al Movimento 5 Stelle. Il fondatore di Sinistra Italiana ha dichiarato: "Non precludo neanche la possibilità di sostenere un candidato del Movimento 5 stelle se sul piano programmatico è più compatibile con la nostra idea di sviluppo di una città. Vogliamo stare sui programmi".C'è chi non esclude, poi, una candidatura al Campidoglio dello stesso Stefano Fassina.
Come lui stesso fa notare "a Roma ho già fatto le primarie con il Pd e ho preso dodicimila preferenze". Tuttavia, è molto improbabile che l'ex viceministro del governo Letta abbandoni la prospettiva di un ruolo nazionale.

I candidati sindaco del M5S

Il Movimento 5 Stelle può arrivare alle (eventuali) elezioni 2016 di Roma in pole position, ma qual è il nome che il movimento di Beppe Grillo metterà in campo? E come verrà scelto, attraverso delle primarie online oppure con una decisione del direttorio insieme a Grillo e Casaleggio?
Sono due gli scenari possibili: uno è quello della scelta di un big pentastellato (come ad esempio Alessandro Di Battista), cosa che però i grillini vorrebbero evitare per rimanere fedeli ai propri statuti; il secondo è quello "naturale", con la candidatura di Marcello De Vito che è stato già candidato sindaco M5S a Roma e ora è a capo del gruppo grillino all'opposizione in Campidoglio. Improbabile, anche se circola il suo nome, l'opzione Roberta Lombardi.

I candidati sindaco del centrodestra (Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega Nord)

Matteo Salvini ha annunciato che anche la Lega correrà al Campidoglio. Si dà per scontato che il centrodestra si presenterà compatto alle elezioni 2016 e dovrà cercare una candidatura che unisca Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega Nord. Il nome più forte al momento è quello di Giorgia Meloni: leader di FdI, già ministro nel Governo Berlusconi, ben vista anche da Salvini (che oggi ha dichiarato "La Meloni mi piacerebbe se si candidasse"). Berlusconi invece potrebbe attrarre Alfio Marchini, che nelle scorse elezioni romane si era presentato da solo e potrebbe riprovarci con alle spalle la forza di centrodestra.

candidati sindaco roma 2016

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: