Montesacro: "scompare" per qualche ora la Coppa del Mondo 2006

Il minisindaco Paolo Marchionne "accusato" di aver prelevato la Coppa dall'aula consiliare

Berlin, GERMANY:  (FILES) - Picture taken 09 July 2006 of Italian defender Fabio Cannavaro holding up the World Cup trophy as he celebrates Italy?s victory over France in the 2006 World Cup final football match at Berlin?s Olympic Stadium. The 2006 'Ballon d'Or' is due to be announced, 27 November 2006, and Italy's World Cup-winning captain Fabio Cannavaro is widely expected to succeed Barcelona's Brazilian Ronaldinho as the 51st winner of the prestigious prize.  AFP PHOTO/PASCAL PAVANI  (Photo credit should read PASCAL PAVANI/AFP/Getty Images)

Il 5 e 6 ottobre scorsi, nell'Aula Consiliare del III Municipio di Roma, a piazza Sempione, sono state esposte in via del tutto eccezionale le quattro coppe del mondo vinte dalla Nazionale italiana di calcio nei campionati mondiali del 1934, 1938, 1982 e 2006. Un'occasione – dettata dalla vicinanza della gara Italia-Norvegia, che vedrà gli Azzurri di nuovo all'Olimpico di Roma – in cui i cittadini hanno potuto vedere da vicino i trofei sollevati dai capitani tricolori.

In questo evento però c'è stato spazio per un piccolo giallo che ha creato scompiglio, anche politico, nel III municipio. Ieri mattina, infatti, tre consiglieri di opposizione (Manuel Bartolomeo, Francesco Filini e Cristiano Bonelli, quest'ultimo ex presidente del municipio) hanno raccontato che all'apertura al pubblico dell'Aula Consiliare, mancava all'appello la Coppa del Mondo 2006, quella sollevata da Fabio Cannavaro nella notte del "cielo azzurro sopra Berlino".

Alla scoperta hanno fatto seguito attimi di panico, seguiti da frenetiche ricerche della Coppa, con tanto di chiamata delle Forze dell'ordine e il terrore che si potesse ripetere quanto accaduto in Brasile alla Coppa Rimet, rubata negli anni '80 e perduta per sempre (anche se in quel caso si trattava dell'originale, mentre quelle esposte sono copie). Per fortuna il giallo si è risolto ben presto, quando – secondo il racconto dei tre consiglieri – la Coppa è stata riportata dal presidente del Municipio, Paolo Emilio Marchionne che, stando ai commenti dell'opposizione, "evidentemente deve aver sottratto nelle ore serali o notturne mentre il Municipio era chiuso".

Da qui il caso è diventato politico, con Marchionne accusato di essersi impossessato nottetempo della Coppa, forse per farsi bello con gli amici. Il minisindaco ha prima risposto smentendo l'opposizione e chiarendo

L’opposizione fa accattonaggio politico. Sarebbe bastato arrivare presto in municipio per vedere e sapere che le coppe ogni sera vengono spostate dalla sala d'esposizione ad una di sicurezza. Da qui, questa mattina, sono state portate nuovamente nella sala espositiva da personale della Figc. Loro, giunti in ritardo, hanno raccolto un racconto, una voce di corridoio, raccontando così un evidente inesattezza

E da politico, il caso è diventato comico, con l'opposizione che chiede "cosa abbia fatto" Marchionne della Coppa, e Marchionne che replica dalla sua pagina Facebook pubblicando un fotomontaggio in cui solleva la Coppa:

Si lo ammetto, alzare la coppa è stato sempre un mio sogno nascosto nel cassetto. Ieri notte infatti ne ho presa una e...

Posted by Paolo Emilio Marchionne on Martedì 6 ottobre 2015

Si lo ammetto, alzare la coppa è stato sempre un mio sogno nascosto nel cassetto. Ieri notte infatti ne ho presa una e tenendola sollevata per tutto il tempo, ho girato per le strade del municipio cantando "siamo noi, siamo noi, i campioni del municipio siamo noi" popporoppopopopo ‪#‎opposizioni‬ ‪#‎campionidelmondodibuffonate‬

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail