Giubileo: l'assessore Esposito chiede a Renzi un commissario per la metropolitana

L'assessore "scavalca" giunta e sindaco e si rivolge direttamente al premier

stefano-esposito-assessore-roma.jpg

Dopo gli ultimi disagi tra controsoffitti crollati e corse saltate, l'assessore Stefano Esposito ha deciso di scavalcare la giunta comunale e il sindaco Marino rivolgendosi direttamente al premier Renzi (suo grande sponsor alla vigilia del rimpasto della giunta). Così, all'annuncio che il governo centrale stanzierà circa 30 milioni di euro per i lavori di ristrutturazione della metro per il Giubileo, Esposito ha risposto chiedendo un commissario straordinario.

Sabato scorso l'energico assessore ha parlato con il premier spiegandogli che, senza un commissario che gli consenta di affidare i lavori in pochi giorni, i 30 milioni stanziati non serviranno a niente e non potranno essere spesi. Esposito non vuole ripetere quello che la giunta sta affrontando con i fondi per il Giubileo, che rischiano di rimanere lettera morta perché i tempi per l'affidamento degli appalti sono troppo lunghi. Quindi serve un commissario che permetta di scavalcare le procedure ordinarie e far partire subito i lavori.

Ospite ieri a L'Arena su Rai Uno, Esposito ha spiegato che "La metropolitana ha bisogno di interventi su massicciate, binari, ruote dei treni e segnalamento" e che perciò ha chiesto a Renzi, oltre allo stanziamento di risorse, di nominare un commissario sotto la sua responsabilità. Anche in questo si nota come Esposito faccia ormai riferimento direttamente a Palazzo Chigi e non a Ignazio Marino.

La risposta dovrebbe arrivare tra martedì e mercoledì, ma l'assessore si è mostrato molto ottimista, perché "Renzi ha capito la situazione". Se dovesse essere nominato il commissario, ha spiegato Esposito, "che inizi a lavorare il giorno dopo la nomina, fino al 15 dicembre e agisca sotto il controllo di Cantone, di Gabrielli, anche della Guardia di Finanza", Roma potrebbe avere "in pochi mesi quello che manca da 10 anni".

  • shares
  • Mail