Festa della Befana 2016 a piazza Navona: pronto il bando

Dopo le polemiche e gli scioperi dello scorso anno, si cambia tutto con nuove regole

mercatini-navona05
Roma avrà di nuovo la sua classica Befana di piazza Navona: dopo quanto accaduto lo scorso anno, con gli esercenti che per protesta hanno mandato deserta la manifestazione costringendo il Comune a correre ai ripari con spettacoli improvvisati, il Campidoglio si premunisce e mette on-line il nuovo bando che regolamenterà la festa nell'anno del Giubileo straordinario e per i successivi.

Motivo del contrasto era la volontà del Comune di "ripulire" l'assetto del mercato di Piazza Navona che, nel corso degli anni, si era tramutato in un suk, in una sorta di succursale di Porta Portese con tanto di venditori di porchetta, di souvenir turistici e calcistici che niente avevano a che vedere con le festività natalizie, e che oltretutto occupavano una porzione eccessiva del calpestabile della piazza, creando caos e ingorghi. Ne erano seguiti ricorsi e controricorsi, con la decisione degli esercenti di chiudere bottega.

Dopo la sentenza del Tar, che ha dato ragione al Comune bocciando il ricorso degli ambulanti, si riparte da zero con un nuovo bando che dovrebbe restare in vigore per il prossimo decennio. I banchi sulla piazza scenderanno a 48 (circa la metà di quelli previsti in precedenza) di cui 20 per la vendita di prodotti artigianali e 28 per addobbi, dolciumi e libri a tema natalizio. Tutti i banchi dovranno avere misura 3x2,50, essere di legno e metallo di colore verde. Ai banchi si aggiungeranno 6 postazioni per la vendita di palloncini, zampogne e altro, 6 per l'intrattenimento dei bambini, 12 per gli spettacoli ambulanti, 1 per le foto con Babbo Natale, 1 per la giostra e per il teatro dei burattini e infine un palco per gli spettacoli, come già sperimentato lo scorso anno per ovviare alla mancanza di chioschi.

Il bando prevede una serie di punteggi basati sull'anzianità della permanenza a Piazza Navona, sull'anzianità come attività imprenditoriale, ma anche sulla proposta di prodotti solidali, sostenibili, biologici e legati al territorio. Grande la soddisfazione del minisindaco del I Municipio, Sabina Alfonsi, e del suo vice Pescetelli, che parla del raggiungimento "di uno degli obiettivi principali del nostro programma di governo".

  • shares
  • Mail