Autisti Atac manifestano al Campidoglio: "No ai privati". Christian Rosso sospeso dopo il video: "Non mi pento"



29 luglio 2015 -

Questa mattina si è tenuta al Campidoglio l'attesa manifestazione degli autisti Atac. Arrivati in piazza in divisa, si sono fatti sentire con fischietti e slogan: "Per nascondere la verità c'hai messo contro l'intera città", era uno degli striscioni contro il sindaco Ignazio Marino.

"Vogliono dare Atac in pasto ai privati dopo averci fatto firmare un accordo vergognoso ma che prevedeva la permanenza di Atac in house fino al 2019: il trasporto è un servizio pubblico e ha bisogno di rimanere tale. Il nostro obiettivo è che il servizio rimanga pubblico, Marino scenda e venga a parlare con noi lavoratori e utenti o riceva una delegazione, perchè se è in buona fede è disinformato", hanno spiegato i lavoratori.

In piazza c'erano anche i macchinisti della ferrovia Roma-Lido, altra tratta protagonista (in negativo) delle cronache degli ultimi mesi. Il più acclamato al Campidoglio è stato però Christian Rosso, il dipendente che aveva pubblicato su Facebook una videodenuncia e che è stato sospeso dall'azienda: "Non mi sono pentito perché ho informato i cittadini che l'autobus non passa, che non ci sono i mezzi. Io ero stato aggredito nel 2008 con un taglierino, per 1.200 euro non si può rischiare così. Dicono che lavoriamo poco ma non è vero".

La videodenuncia di Christian Rosso

Annunciata manifestazione autisti Atac al Campidoglio

Lo sciopero dei mezzi pubblici a Roma che l'Ugl aveva indetto per domani, martedì 28 luglio 2015, non ci sarà perché nei giorni scorsi il prefetto Franco Gabrielli ha disposto la precettazione e dunque i macchinisti e gli autisti dell'Atac sono costretti a lavorare, ma per mercoledì 29 luglio hanno organizzato una manifestazione in Campidoglio dalle ore 14 alle 20. Non avranno striscioni né bandiere, ma solo la loro divisa celeste che ora è diventato difficile indossare a causa delle continue proteste che a volte sfociano in aggressioni da parte dei cittadini arrabbiati per l'inefficienza del servizio.

I manifestanti sperano di avere al loro fianco anche gli stessi cittadini, quelli che hanno capito quali sono le difficoltà dei dipendenti Atac. Nei giorni scorsi l'autista Christian Rosso ha diffuso un video per far vedere quali sono le cause dei disservizi e se l'è presa con la sua stessa azienda.

Micaela Quintavalle, leader del sindacato CambiaMenti M40, se la prende anche con il sindaco Ignazio Marino che attacca continuamente i dipendenti Atac con le sue dichiarazioni "armando" i cittadini che si sentono così legittimati ad attaccare gli autisti, alcuni dei quali ormai sono terrorizzati.

Intanto, sullo sciopero bianco che alcuni autisti stanno attuando, sta indagando anche la Procura di Roma, mentre su Internet spuntano continuamente nuovi video in cui viene fatto vedere che cosa succede quando un autista attua lo sciopero bianco, bloccando autobus o treni della metropolitana con la gente accalcata dentro o in attesa fuori dalle porte.

Gli autisti sono spesso costretti a restare chiusi nel gabbiotto per evitare di essere aggrediti dai passeggeri esasperati che, anche loro, devono andare a lavorare con il caldo e con tutti i disagi e sono i primi a fare le spese a causa di questa incresciosa situazione cui l'Atac, i sindacati e il sindaco non riescono a trovare una soluzione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail