Vigili assenteisti a Capodanno: chiesta una multa da 4.000 euro

17 vigili rischiano una sanzione pecuniaria, 59 medici segnalati per falso

sciopero vigili Roma 12 febbraio 2015

La vicenda dei vigili urbani assenteisti lo scorso Capodanno a Roma si avvicina alla conclusione, almeno dal punto di vista giudiziario: i pubblici ministeri Nicola Maiorano e Stefano Fava hanno firmato diciassette decreti penali di condanna nei confronti di altrettanti agenti municipali che, a cavallo tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, avrebbero ignorato le chiamate dei superiori. La richiesta di condanna è di 4000 euro di sanzione, ma la parola finale spetta al Gup.

Spetterà infatti al giudice la decisione sulla richiesta dei pm contro i vigili accusati di interruzione di pubblico servizio. I diciassette in questione sono però solo i vigili che si sono assentati dal lavoro senza regolare giustificazione. A questi vanno aggiunti anche quelli che hanno presentato certificati medici "sospetti", ed è su costoro che si concentra un altro filone di indagini. La procura sta indagando su almeno 59 medici che avrebbero firmato certificati falsi per permettere ai vigili di sottrarsi al loro dovere. 50 di loro hanno ammesso di aver firmato il certificato senza aver visitato il paziente, e sono pertanto stati segnalati all'autorità giudiziaria e rischiano un'accusa di falso in certificazione medica.

Altri nove medici erano invece in servizio a Capodanno in sostituzione dei titolari, e sono accusati di essersi introdotti nei servizi informatici dell'Inps con le credenziali dei colleghi, inoltrando la certificazione di esonero dal lavoro per i vigili. L'accusa è di accesso abusivo a sistema informatico e sostituzione di persona, a cui potrebbe aggiungersi quella di falso se si accertasse che il certificato non era veritiero. I 59 vigili che hanno usufruito degli altrettanti certificati falsi rischiano l'accusa di truffa.

Le indagini proseguono: finora gli inquirenti hanno sentito circa 300 medici, più della metà del totale, considerato che i vigili assenti a Capodanno ammontavano a oltre 500. Ne consegue quindi che, per ora, la maggioranza dei certificati medici risulta veritiera e i vigili assenti giustificati.

  • shares
  • Mail