Giubileo, Matteo Orfini: "Non c’è un commissariamento"

Sarebbe affidato al prefetto di Roma Franco Gabrielli.

Giubileo 2015-2016

13 giugno 2015 - Sul possibile commissariamento del Giubileo è intervento questa mattina il presidente del Pd Matteo Orfini, che ha escluso l’ipotesi trapelata ieri con insistenza:

Non c’è un commissariamento ma un coordinamento tra soggetti istituzionali.

Orfini, parlando di mobilità, sanità e sicurezza, ha affermato di guardare a “un modello già utilizzato, penso all’Expo in cui la Prefettura coordinava un tavolo. Si sta cercando una soluzione condivisa”.

Giubileo, il Governo è pronto a dire sì al commissariamento

La gestione del Giubileo straordinario previsto dall'8 dicembre 2015 al novembre 2016 potrebbe essere affidata a una commissione presieduta dal prefetto di Roma Franco Gabrielli. Il governo Renzi ha intenzione di affiancare dunque un commissario al sindaco di Roma Ignazio Marino che voleva occuparsi direttamente della gestione di questo grande evento.

Secondo quanto scrive Goffredo De Marchis su Repubblica, l'intento del Premier Matteo Renzi sarebbe quello di evitare che il primo cittadino della Capitale si ritrovi a subire nuove forti pressioni dopo la bufera di Mafia Capitale.

Secondo Repubblica la scelta del governo di commissariare il Giubileo è una presa d'atto che Marino ha bisogno di aiuto. L'esecutivo avrebbe già scritto ieri il decreto contenente la descrizione degli ambiti del commissariamento, ma pare che per ora sia saltato e che vada riscritto. L'intento è quello di trovare una figura di "raccordo operativo" per questo evento straordinario e sebbene inizialmente si fosse pensato proprio a Marino, dopo il caos dovuto a Mafia Capitale (sul quale tuttavia il sindaco ha sempre avuto il sostegno del Pd), non si vuole caricare il Campidoglio di troppe responsabilità anche riguardo a un appuntamento che richiamerà l'attenzione di tutto il mondo.

In ogni caso Marino non verrebbe messo da parte, perché l'intento di Renzi è quello di favorire una sorta di coabitazione temporanea tra il sindaco e il commissario straordinario, che dovrebbe essere proprio Franco Gabrielli perché con lui il chirurgo ha già un ottimo rapporto.

Insomma, l'idea del commissariamento che sembra sempre più concreta non è una bocciatura per Marino, ma un modo per sostenerlo e aiutarlo ad affrontare un altro anno di fuoco.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail