Parentopoli Ama, Panzironi condannato a 5 anni

L'ex-ad AMA condannato per la Parentopoli nella municipalizzata romana: predisposta anche l'interdizione perpetua pubblici uffici

Franco Panzironi, già arrestato per la vicenda Mafia Capitale ed ex ad di AMA, è stato condannato dal Tribunale di Roma a 5 anni e tre mesi di reclusione in relazione alla cosiddetta Parentopoli nell'Azienda Municipalizzata Ambiente (AMA) del Comune di Roma.

Panzironi, condannato per abuso e falso, era implicato nel processo che si riferisce a 841 assunzioni ritenute non regolari avvenute nella municipalizzata dei rifiuti tra il 2008 e il 2009. Secondo l'accusa 800 assunzioni furono 'curate' in assenza di gara da Consel Consorzio Elis, società incaricata di compiere le preselezioni del personale da assumere, ma che, per la procura, oltre a non avere la struttura né la preparazione per il compito affidato, era anche priva di autorizzazione prevista dalla legge Biagi.

Oltre a Panzironi i giudici della settima stazione penale hanno condannato l'ex direttore del personale Luciano Cedrone a 3 anni e un mese, l'ex consulente esterno dell'azienda Bruno Frigerio a 3 anni e 3 mesi, mentre a un anno e 3 mesi di reclusione è stato condannato l'ex capo dell'uffico legale Gianfranco Regard. Assolti invece per non aver commesso i fatti contestati l'ex dirigente della pianificazione Ivano Spadoni, Lorenzo Allegrucci dirigente, Sergio Bruno legale rappresentante del consorzio Elis che doveva provvedere alla preselezione degli aspiranti all'assunzione e Giovanni D'Onofrio che subentrò a Regard nell'incarico di direttore dell'uffico legale.

Franco-Panzironi-2

  • shares
  • Mail