Addio ad Alberto Grifi, eroe del cinema sperimentale

alberti grifi morto

"Il cinema di Alberto rimane, a dispetto di tutto e di tutti...": queste le parole di un amico che oggi, come molti altri, ha voluto salutare, attraverso una catena di email, un personaggio importante e spesso dimenticato del cinema italiano e della sperimantazione romana.
Si è spento infatti ieri Alberto Grifi, padre di "Anna" il primo film videoregistrato d' Italia come di tante importanti testimonianze di ricerca nel cinema. Per lui anche il cinema, come molte istituzioni borghesi, immiseriva l'uomo e la sua spontaneità in schemi prestabiliti: bisognava liberare l'uomo per liberare il cinema.

Ma lui, Alberto, ha dovuto vivere i suoi ultimi anni senza casa, imprigionato in una miseria che non gli apparteneva, con la malattia galoppante e una grande amarezza. A lui in molti hanno dedicato omaggi, appelli, petizioni, e i suoi funerali si terranno domani, in Santa Maria in Trastevere.

Noi lo salutiamo e lo rigraziamo. Ciao Alberto!

  • shares
  • Mail