Taxi a Roma: quanto costa con il nuovo sistema tariffario

mobilità piazza venezia

La mobilità pubblica e privata della capitale zoppica, ma chi si muove nell’urbe ostinandosi a lasciare fermi veicoli privati divenuti insostenibili per le tasche, l’ambiente e il sistema nervoso, sa di dover aggiungere ai conti per arrivare a fine mese, anche le novità tariffarie varate per il trasporto pubblico.

Nel frattempo, è il fine settimana a beneficiare del consueto venerdì nero per la mobilità, con i rincari delle tariffe Atac in vigore dal 25 maggio e il nuovo piano tariffario dei Taxi approvato dalla Giunta Capitolina, che ad un primo sguardo sembra promettere più polemica che cambiamenti.

Nel piano, che scatta con l’adeguamento della strumentazione per il rilascio della ricevuta automatica, sono previste agevolazioni con uno sconto del 10% per chi deve raggiungere gli ospedali romani, le donne sole in orario notturno e i giovani in uscita dalle discoteche il venerdì e il sabato, ma questo previa convenzione con i gestori dei locali. Per il resto, i rincari ritoccano di poco le tariffe in vigore ma vediamo come dopo il salto, per sapere quanto ci costerà una corsa.

Il passaggio dal sistema tariffario del servizio taxi regolato dalla Delibera della Giunta Comunale n 593 del 22/12/2007, al nuovo sistema tariffario stabilito dalla delibera della Giunta Capitolina, su proposta dell’assessore alla Mobilità, Antonello Aurigemma, determina:

La quota fissa:
- La quota fissa di partenza nei giorni feriali (ore 6:00 - 22:00) passa da 2.80 a € 3,00
- La quota fissa di partenza nei giorni festivi (ore 6:00 - 22:00) passa da 4.00 a € 4,50
- La quota fissa di partenza notturna (ore 22:00 - 6:00) passa da 5.80 a € 6,50

La tariffa oraria euro/h (scatto a tempo applicabile per velocità inferiore a 20Km/h) passa da 23,70 a € 27,00

La Tariffa chilometrica euro/Km prevista per tratte urbane (entro il G.R.A.) per velocità superiore a 20 Km/h € 0,92, e fuori dal G.R.A. a € 1,52, viene sostituita da una

Tariffa tassametrica unica progressiva:
- T1 per velocità > di 20 km/h €/Km 1,10
- T2 per velocità > di 20 km/h €/Km 1,30
- T3 per velocità > di 20 km/h €/Km 1,60

La prima progressione tassametrica (T1-T2) si determina quando al valore fisso iniziale indicato dal tassametro si cumulano ulteriori € 11,00; da questo momento scatta la seconda progressione tariffaria (T2= € 1,30) fino al cumulo di ulteriori € 13,00; da tale momento scatta la terza progressione tariffaria (T3= €1,60) sino al termine del percorso.

Ad aumentare è anche la tariffa fissa da e per gli aeroporti di Fiumicino passata da € 40 a 48, e Ciampino da € 30 a 32, sempre a patto di arrivare o partire dal centro città. Si vocifera anche di tabelle di prezzi prestabiliti per diverse tratte, ma di questo torneremo a parlare.

  • shares
  • Mail