Attentato di Brindisi: la solidarietà a Roma non vuole stare zitta! Il silenzio è mafia

Il-silenzio-è-mafia-Photo

Il Pantheon romano costruito per tutte le divinità dell'Olimpo ha vegliato sulla folla scesa in piazza per non restare in silenzio dopo l’attentato di Brindisi, e l’orrore che con tre ordigni esplosivi ha colpito, ferito e ucciso gli studenti dell’istituto "Morvillo Falcone", dedicato alla moglie del magistrato siciliano, uccisa con lui nell'attentato del 23 maggio del 1992.

A ventenni dall’attentato e poche ore dal nuovo evento criminoso, una folla stufa di stare in silenzio ha gridato rabbia, indignazione e voglia di resistere, al fianco dall'associazione antimafia DaSud, con i ragazzi di Libera, il Pd Roma, Sinistra ecologia e Libertà, la Fgci, i Giovani Idv del Lazio, i Giovani Comunisti, la Rete degli studenti, l'Unione degli universitari, la Rete della conoscenza, il Forum giovani del Lazio, gli iscritti agli atenei capitolini, i ragazzi dei licei, i sindacati Cgil, Cisl e Uil, l'Anpi, l'Associazione stampa romana, i partiti dal Pd all'Api, da Sel all'Idv, dall'Udc al Pdl ..

Davanti a fatti criminosi che riguardano tutta la società civile, i segni di solidarietà come al solito hanno diviso gli animi, tra i fautori del silenzio e quelli che lo considerano un parente troppo stretto dell’omertà. Nella capitale come altrove, la cultura della Notte dei Musei ha cancellato i suoi appuntamenti, quando in molti avrebbero preferito sentire la sua voce rivoltosa e risoluta, gli Internazionali di tennis e la finale della Coppa Italia di calcio hanno osservato il loro minuto di silenzio, previsto anche oggi per le scuole.

Dopo vent’anni di stragi mafiose, l'associazione daSud che si batte contro ‘ndrangheta, camorra, cosa nostra e sacra corona unita, usando ogni mezzo per ricordare svegliando memoria e coscienza, collabora anche alla realizzazione di Antonino Caponnetto. Non è finito tutto. La graphic novel di Luca Salici e Luca Ferrara, dedicata al Capo Ufficio Istruzione simbolo di una città e un Paese, che si rialza dopo le stragi di via D’Amelio e Capaci, con l'introduzione di Andrea Camilleri, per la collana Libeccio di Round Robin editrice, sarà in libreria dal 23 maggio 2012, e presentato giovedì 24 maggio alla libreria Melbookstore di Roma. La Provincia e Nicola Zingaretti presentano le “Lezioni civili” e la mostra fotografica “Il silenzio è mafia. Falcone e Borsellino vent’anni dopo” a Palazzo Incontro, fino al 9 settembre 2012. Solo alcuni dei tanti modi per non restare zitti, diffondere la cultura del dissenso, e far crescere in tanti il coraggio di esercitare il proprio. Ovviamente lo spazio dei commenti oggi è una bacheca libera per tutti quelli che non hanno voglia di restare zitti!

Foto | Nicola Zingaretti

  • shares
  • Mail