SoulFood 2012 a Roma: micro-socialità e piccole pratiche di resistenza quotidiana a tavola

00 SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma�n

Muffin di zucchine e pecorino romano o a tutto parmigiano, pomodorini gratinati, lasagnette con asparagi, gorgonzola e noci, taboulè di verdure al profumo di menta, fave in purea e cicoria di campo al bicchiere, pane di segale con ricotta e fragole o velo intrigante di gelatina al limone, tripudio di mini pudding al cioccolato con panna montata, vino bio e appetito consapevole ad alto tasso di brio.


È questa la sinfonia di ingredienti, sapori (e saperi) rigorosamente genuini e sostenibili, che ha pervaso ogni antro e angolino della home gallery Wo-Ma’n e dei tetti del Pigneto. Ingredienti coltivati e cucinati dai cassaintegrati ex Eutelia di EutOrto, per propiziare il cibo che nutre, seduce, incoraggia, insegna, unisce, e da ben cinque anni ispira ogni genere di micro-socialità e le piccole pratiche di resistenza quotidiana confluite nel progetto collettivo The SoulFood, e negli esperimenti di ricostruzione di una società e comunità, che partono di nuovo dalla tavola imbandita il prossimo 25, 26 e 27 maggio 2012.

Io continuo ad essere in sintonia con Alejandro Jodorowsky quando dice che “La verità si trova in cucina… e un cuoco deve essere incredibilmente consapevole” per questo il sentiero del gusto che intraprendo oggi per andare alla scoperta della tre giorni di SoulFood 2012, sarà un'Odisseea saporita tra menù e “Storie di insurrezione creativa” delle cene carbonare. Un tour a la carte in compagnia di un cuoco-poeta parecchio consapevole come Don Pasta, tutta la passione di Marta e Daniela dell'associazione Terreni Fertili, quella che serve a Gloria e Francesca per coltivare EutOrto, ai ragazzi come Raffaele che lavorano dietro ai progetti dell’associazione antimafia DaSud, e a tutti quelli che hanno deciso di partecipare a questa quinta edizione di incontri su cibo, arte e sostenibilità.

SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n
SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n

The soulFood 2012

La nuova edizione di SoulFood continua un lungo viaggio, rinnovando propositi, obiettivi e allargando la mappa di realtà e iniziative che prendono parte alle cene carbonare del 25 maggio nelle case private della capitale, alla Festa di Vicinato con Pic Nic del 26 a Tor Sapienza, e alla festa finale del 27 al Circolo degli Artisti.

01 SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma�n

Si parte venerdì 25 con la formula collaudata delle Cene Carbonare a cura di DaSud, sei cene tenute simultaneamente in altrettante abitazioni private della capitale, segrete e comunicate solo agli ospiti al momento della prenotazione (cenecarbonare@thesoulfood.net con contributo di 25 €), con menù e storie differenti, quanto i commensali e gli esperimenti segreti di micro-socialità intorno al piatto che intendono promuovere. Cene virtuose fino in fondo, grazie anche al servizio di car-pooling a disposizione di tutti i commensali (per il quale è necessario registrarsi preventivamente e gratuitamente direttamente sul sito di Drivebook). Cene tra le quali si può scegliere :

La cucina meticcia. Intercultura: quando il cibo diventa casa comune
Un Progetto di Catering Intercuturale Femminile Plurale. Un gruppo di donne provenienti dal Perù, dal Marocco, dal Sudan, dall’Eritrea, dalla Romania, dall’Italia, si incontra e si conosce durante un’occupazione abitativa a Roma. Dall’incontro intorno al cibo preparato e offerto nelle sere di festa nasce il seme di Cucina Meticcia. Dallo scambio di saperi e sapori inizia un percorso per fare di questo progetto una storia di lavoro e di radicamento comune. Soul Food in collaborazione con il Laboratorio d’Arti Civiche dell’Un. Roma Tre e con IED, Master in Food Design accompagna le signore di Cucina Meticcia nel lancio del loro progetto di impresa femminile e saporita. Con Igiaba Scego, scrittrice, e il suo libro “La mia casa è dove sono”, in zona Prenestina. Nel menù: Fiori di zucca alla romana, Tiradito (Pesce marinato - Perù), Tajine di verdure (Sudan), Zighinì su injera con bamia (Eritrea), Ligamat con the del Sudan e frutta locale.

Terra (Gusto) e Libertà. Dal nazifascismo alla tavola passando i campi e l’antimafia: parole, suoni e sapori per raccontare le diverse facce dell’Italia che resiste.
In un condominio che trasuda storie di antifascismo, eccidi e deportazioni naziste si incontrano davanti a un menu che parte dall’Altopiano di Rascino, nel reatino, i racconti di mondi diversi ma accomunati da un’idea. Che libertà e democrazia si conquistano soltanto con l’impegno quotidiano. L’antimafia, le lotte contadine e la testimonianza degli agricoltori-chef incontrano la Resistenza con la “R” maiuscola. Testimonianze, reading di Elisabetta Galgani, la musica di Popucià band e un ricordo di Pio La Torre a trent’anni dell’omicidio. Memorabile il suo slogan: “La terra è di tutti”. Con Aldo Pavia ed Elena Improta, Anpi provinciale Roma e Franco La Torre, presidente Consulta Antimafia Provincia di Roma in zona Testaccio. Nel menù: Pizza Rentorta Salsiccia e Verdura, Formaggio di Pecora, Ricotta di Pecora, Lenticchie e Patate, Paccheri al Forno, Pollo con le Mosciarelle, Verdura Ripassata, Crostata al Limone, Crostata con Confettura di sambuco.

(P)assaggio Capitale
. La città dei diritti negati o quella dell’inclusione? Qual sarà il volto della Roma di domani? E come mangeranno i suoi cittadini? Viaggio a tavola nella Capitale possibile.
Una serie di piatti a basso impatto e alto valore sociale in una serata piacevole di condivisione e scambio di esperienze, anche artistiche. È quello che accade durante questa cena carbonara, grazie al contributo di sguardi autorevoli e a un menù che “immagina” l’evoluzione in chiave eco solidale della Città eterna, cucinato “a fuoco lento” dagli attivisti di daSud e dai ragazzi del centro culturale “Come un albero”, che opera per l’inserimento lavorativo di persone con disabilità intellettive. Una serata “diversamente allegra” grazie alla musica dei Disabiliè in versione acustica e alle performance teatrali della compagnia Fuoriterra. In collaborazione con Legambiente Mondi Possibili e Possibilmente/Tavola Rotonda in zona Porta Pia.

Morale della Tavola
. La costruzione di un immaginario antimafia e vincente è frutto di un sapiente mix di linguaggi, memoria e buone pratiche. Tra tavole disegnate e tavole imbandite.
“Non è finito tutto”. E il finale non sempre è a lieto fine. A vent’anni dalle stragi di Capaci e Via D’Amelio, una cena con prodotti dai beni confiscati alle mafie (per la prima volta a Roma la mozzarella di bufala della cooperativa “Le terre di don Diana”) accompagnerà la presentazione – con reading, video e musica – del nuovo fumetto di Luca Salici e Luca Ferrara su Antonino Caponnetto, “padre” del pool antimafia. Ai fornelli la brigata daSud con Nicola Corona (Legambiente). E, a proposito di finali, una performance fiabesca a cura dell’artista Lalli Scoppola e dell’attore Beniamino Brogi in zona Eur.

Sdisonorate. Questione di genere, contesti criminali e rappresentazione mediatica. Assaggi di riflessione, azione e narrazione.
La serata partirà dall’esposizione del dossier “Sdisonorate – le mafie uccidono le donne”, un lavoro prodotto dall’associazione daSud che raccoglie e racconta le storie di circa 150 donne vittime della criminalità organizzata. Per poi passare alla narrazione delle tante “disonorate” vittime del sistema culturale arretrato e violento che imperversa nel nostro Paese. La questione di genere verrà quindi inserita nella complessità di un mondo che priva sempre di più una parte consistente della società di diritti elementari come il lavoro, la salute, la partecipazione pubblica. Focalizzeremo l’attenzione su come questi temi vengono rappresentati nei mezzi di comunicazione e nell’arte. Ai fornelli Celeste Costantino (daSud) con Angela Ammirati, Laura Triumbari, Danila Cotroneo. Con Wilma Labate (regista) e Claudia Fusani (giornalista de L’Unità) in zona San Pietro. Nel menù: Quiche di verdure, Paccheri ricotta e ‘nduja, Melanzane alla parmigiana, Insalata di arance e finocchi e Semifreddo.

Io mi chiamo Giovanni Tizian. Guidati dal giovane giornalista sotto scorta per aver denunciato gli affari mafiosi, viaggio da Sud a Nord e ritorno per scoprire i sapori, bellezze e contraddizioni del Belpaese.
La politica ha cancellato la parola mafia dal vocabolario pubblico, l’informazione ha finto di non vedere, le associazioni e i movimenti hanno sottovalutato. E invece la mafia al nNord e a Roma c’è, fa affari, è pericolosa, sta dentro i processi economici e sociali. E non vuole essere disturbata. Così nella civilissima Emilia Romagna può accadere che a Giovanni Tizian, un giornalista di 29 anni, impegnato sul fronte antimafia con l’associazione daSud, venga assegnata una scorta. Per il suo lavoro di inchiesta sulle mafie al Nord. Un lavoro coraggioso, vero, che pochi giornalisti fanno. E che tutti dobbiamo difendere. Non soltanto con gesti di solidarietà, ma con pratiche concrete. Una serata fatta di performance, idee, profumi e sapori antimafie. In solidarietà a Giovanni Tizian, con performance di Kento e Maria Marino, con Federtrek in zona Marconi.

02 SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma�n

Si prosegue sabato 26 con Seminare Futuro, la Festa di Vicinato con Picnic aperto al Centro Culturale Michele Testa (viale filippo de pisis, 1), con il Patrocinio del Municipio Roma VII, il sostegno di BVL FOUNDATION, la collaborazione della Polisportiva Nuova Tor Sapienza e del Centro Anziani Michele Testa, per una giornata di quartiere che ha in serbo:
- Dalle 10.30 SEMINARE FUTURO: Verso un ORTO per tutti. Laboratorio di giardinaggio per bambini e adulti In collaborazione con il Vivaio Campetella, Terreni Fertili, Ass. Terra!
- Laboratorio di autocostruzione per creare un’O.A.S.I._Occupazione Aperta di Spazi per l’Insieme. A cura dell’Ass. Michele Testa, Terreni Fertili, Cantieri Comuni e Laboratorio di Arte Civiche Un. Roma Tre
- 11:30 Favole “delle nonne” per le vacanze: Cartolibreria Nadia Martini e Libreria Città Invisibile, racconto di favole e laboratorio di disegno.
- 12:30 Scambio di Saperi e di Sapori tra le comunità locali animato da DON PASTA
- Presentazione de “LA CUCINA METICCIA di METROPOLIZ”: progetto di catering interculturale femminile plurale. Degustazione dei prodotti della Vinoteca Nazionale di Tor Sapienza.
- 13:00 PIC NIC APERTO con Dj Set dal mondo con Kid Kanubwoy e Live di sonorità brasiliane con Curandero
- 14:00 Incontro informativo “Seminare Orti e raccogliere buon Cibo”, partecipano, Zappata romana, Agenzia di Quartiere Tor Sapienza, Associazione L’abbraccio, Linea Verde - Cittadinanze Solidale Coop. PM1 e la Rete di realtà attive intorno a Soul Food: Terreni Fertili, DaSud, Associazione antimafie, EutOrto, e Gruppo di Acquisto Solidale GasPer
- 15:00 Laboratorio MUSICA e PERCUSSIONI per i bambini. Laboratorio di costruzione di strumenti musicali con oggetti del riuso e del riciclo. A cura di Sar San BVL project.

03 SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma�n

Domenica 26, dalle 16.00 a mezzanotte, l'allegra brigata di SoulFood approda al Circolo degli Artisti per la grande festa finale. Nel menù oltre al mercato di prodotti biologici e di filiera corta, i Gruppi di Acquisto Solidale, i progetti di microreddito, di resistenza e di autoproduzione legati al cibo, anche laboratori per grandi e piccoli, reading, musica e performance culinarie, con Don Pasta + Soulfood Orkestar e ZibLab, Il Tesoro di San Gennaro, InSintesi + special guest Raffaella Aprile.

SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n

Una buona occasione per entrare in contatto con un universo di micro realtà romane e associazioni che resistono e lavorano per un quotidiano più sostenibile, dall'EutOrto coltivato dai cassaintegrati ex Eutalia, alle iniziative portate avanti dall'associazione contro le mafie daSud, ora dopo l'attentato di Brindisi, come sempre.

Realtà che avremo occasione di conoscere meglio anche su 06, ma a tavola è di certo tutto più gustoso. Se siete interessati ad una cena in particolare ricordate di prenotarla (cenecarbonare@thesoulfood.net), stessa cosa se volete approfittare del servizio car-pooling di Drivebook. Se avete qualche problema a visualizzare il sito di SoulFood non vi scoraggiate, non è certo qualche bug che li fermerà, e poi c'è sempre il facebook.

SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n SoulFood 2012 alla home gallery Wo-Ma’n

The SoulFood 25-27 maggio 2012

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: