Maggio nella capitale: tutto da leggere

versos de amor_Verano y mil tormentas

A parlare con i muri siamo in tanti, una parola può raccontare tante storie, la poesia intreccia parole come fa il vento con i capelli, ma anche chi non è in grado di leggere la poetica del quotidiano, può imbattersi in quella che si trova ovunque, anche sui muri della città "a cura di NoiPecore".

(…) Tana per
Le fresche menti
Le parole
Un pugno
chiuso che le garantisce
La mia più imbattibile ragione d’essere. (…
)

Voci poetiche che si levano dai muri come questa di Amelia Rosselli, lasciata in passato in via Lorenzo Ghiberti, vicino al Cimitero Acattolico che ne custodisce le spoglie mortali, o quella di Osip Mandel’stam comparsa in gennaio sui muri di via Gregoriana, via Scanderbeg, via delle Quattro Fontane, via degli Orti Giustiniani.

Voci, parole, poesie e storie da leggere, che si librano nell’aria di maggio, e possono venir fuori dal libro che state leggendo, dal messaggio sul muro, dalla lista della spesa lasciata da qualcuno sul carrello, dai tour delle donne di carta .. per tutti anche dai libri che rinascono con la nuova edizione di ri-leggo, quelli che sbocciano con il Festival delle Letterature alla Basilica di Massenzio dal 16 maggio al 21 giugno, o con tutti gli appuntanti capitolini de Il Maggio dei Libri, che si concluderà con la Festa del libro del prossimo 23 maggio. Ovviamente anche con tutto quello che vorrete segnalarci …

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail