Rifiuti Roma: la raccolta differenziata continua a differenziare anche piatti e bicchieri di plastica ma non le posate

cassonetti raccolta rifiuti capitale

La raccolta differenziata dei rifiuti nella capitale è ancora parecchio differenziata, nel senso che le modalità con le quali viene praticata in tutto il territorio sono ancora differenti e inefficienti, quando non del tutto assenti.

In questo panorama, che non lesina un’emergenza rifiuti resa più critica dalla ricerca di siti e discariche alternative al post Malagrotta, e un sistema di riciclaggio ostacolato da ‘grandi accordi’, le stoviglie iniziano però a cambiare cassonetto a partire dal 1° maggio.

Come riportato dal sito di Ama, in accordo con l’Amministrazione di Roma Capitale, sono state recepite le direttive dell’accordo a livello nazionale tra Anci e CONAI che prevedono l’avvio a riciclo di piatti e bicchieri di plastica, 'adeguatamente puliti e svuotati prima del conferimento' come previsto dalle disposizioni del COREPLA (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica).

L'accordo però non riguarda tutte le stoviglie, perché se piatti e bicchieri di plastica ora si possono gettare nei cassonetti stradali blu riservati alla raccolta differenziata del multimateriale (contenitori in vetro, plastica, alluminio e altri metalli), le posate di plastica devono essere gettate ancora nei contenitori verdi/grigi per i materiali non riciclabili.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: