Ha aperto la nuova tangenziale est - La recensione di 06blog


Con un giorno di anticipo ieri mattina è stata inaugurata la Nuova Circonvallazione interna (Nci), nome tecnico che indica quella che tutti già chiamano la nuova tangenziale est.

La nuova opera, costata 165 milioni ed aperta con due anni di ritardo, ha come obiettivo la diminuzione del traffico nel tratto Batteria Nomentana-svincolo A-24 e l'abbattimento dello smog e dell'inquinamento acustico sul lato dei palazzi tra la Salaria e la stazione Tiburtina. Se quest'ultimo scopo è certamente stato centrato la fluidificazione del traffico andrà verificata con il tempo. Durante il suo primo giorno di vita infatti, complice la pioggia e lo sciopero, si sono già verificate le prime code all'interno del tunnel all'altezza della rampa per la Tiburtina (vedi foto che segue).

La maggior parte dei problemi che abbiamo riscontrato, a parte la chiusra temporanea di alcuni svincoli, riguardano proprio la rampa per la Tiburtina. Sembra troppo stretta e questo potrebbe causare code. Inoltre la rampa sbuca fuori direttamente sulla Tiburtina, in un punto trafficatissimo, proprio davanti a strisce pedonali (!), con un incrocio a 90 gradi. Infine le auto dirette verso Rebibbia, in altre parole quelle che uscendo dalla rampa vorrebbero girare a sinistra, sono costrette a girare a destra in direzione Verano ed utilizzare una vecchia rampa di inversione di marcia. Causando notevole spreco di tempo e traffico. Per il resto la strada sembra più scorrevole della precedente tangenziale.

La nuova tangenziale è lunga circa 3 chilometri di cui 2,2 in galleria. La Nci è a tutti gli effetti la prosecuzione naturale dell’attuale tangenziale. Solo che le auto, arrivate a Batteria Nomentana venendo dall’Olimpico, sono immesse sull’altro lato dei binari con un tunnel. La Nci scorre parallela all’attuale tangenziale fino all’innesto con l’A 24, dove ecco il nuovo innesto con l’attuale percoso attraverso un’altra galleria. Naturalmente il percorso è identico anche in direzione opposta. la strada sarà più larga, con corsia d’emergenza, e quindi spariranno le code infernali che da anni caratterizzano alcuni suoi tratti. I cittadini dei palazzi sull’attuale percorso, poi, si libereranno per sempre da smog e rumori.


  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: