Scioperi a Roma: venerdì 20 aprile 2012 ben tre mettono a rischio bus, tram e metrò

riflesso bus

La settimana è iniziata da una manciata di minuti, il fardello del lunedì è pronto a svelare il suo carico anche agli ottimisti, ma all'orizzonte del 20 aprile, che ha l'aggravante di essere anche un venerdì, si stagliano già tre scioperi del trasporto pubblico affidato ad Atac, Roma servizi per la Mobilità, Roma Tpl e Cotral.

Nel giorno peggiore per la mobilità della città, bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Giardinetti e Roma-Nord, saranno quindi messi a rischio dall'agitazione sindacale indetta dalla Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Trasporti per 4 ore, dalle 9.30 alle 13.30, e da quella di 24 ore indetta da Or.S.A e Usb, che in osservazione delle fasce di garanzia previste dalla legge garantisce il servizio regolare fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

Tanto per rincarare la dose ed esser certi di stagnare nel traffico, venerdì è previsto anche lo sciopero di 24 ore indetto dalla Faisa Cisal che riguarda le linee di Roma Tpl 028, 030, 031, 032, 036, 778, nella notte tra giovedì e venerdì anche i collegamenti n6, n7 e n25.

A non essere garantito dalle 8.30 alle 17.00 e dalle 20 a fine giornata è quindi anche il servizio dei bus bus Cotral aderenti a Filt Cgil e Orsa, e per Filt Cgil le attività dell'Agenzia Roma Servizi per la Mobilità: sportello al pubblico di piazzale degli Archivi 40, box informazioni di Termini e Fiumicino, check-point bus turistici di Aurelia, Laurentina e Ponte Mammolo, contact center infomobilità (0657003) e numero verde persone con disabilità 800154451.

A questo aggiungete le eventuali deviazioni o rallentamenti causati dalla manifestazione con corteo organizzata in Centro dalla Cgil di Roma e Lazio, le Ztl diurne non attive di Centro (6.30-18) e Trastevere (6.30-10), e avrete un quadro più eloquente e poco promettente di quello che ci aspetta. Come al solito ci lasciano tutto il tempo per stingere le ruote dei pattini, gonfiare quelle della bicicletta o tirare fuori scarpe comode, il motorino, la macchina che prende polvere in garage .. e riflettere sulle lacune della nostra mobilità pubblica e privata 'insostenibile'.

  • shares
  • Mail