Gita fuori porta: a San Gregorio da Sassola per la Sagra degli gnocchi


Se le magnate di questi giorni di festa non vi hanno soddisfatto e se pensate di non aver assaporato abbastanza l’agnello tradizionale, vi propongo come appuntamento fuori porta della settimana, la II Sagra degli gnocchi al sugo di pecora che si svolgerà a San Gregorio da Sassola, a poca distanza da Roma, all’interno del territorio provinciale.

A guardare il calendario, questo sembra proprio un paese festaiolo, dove la vita viene presa dal suo lato migliore e vissuta con gioia: il 12 marzo ricorre la festa patronale (San Gregorio, appunto) con la processione della statua del santo per le vie del paese; a gennaio, in occasione della festa di Sant’Antonio da Padova (che come ormai sappiamo segna anche l’inizio del tempo di Carnevale) all’alba vengono distribuite le ‘pagnottelle’ ripiene di ricotta e arricchite con semi di anice.

Sempre a gennaio, alla vigilia dell’Epifania che è il 5 gennaio, ricorre la festa di Pasquella, in cui figuranti in costume passano di casa in casa raccogliendo dono fino a pranzo, quando tutto il paese si riunisce intorno a un’enorme tavolata con degustazione di prodotti tipici. Infine, ma non per ultimo, ci sono altri due appuntamenti con la buona cucina a San Gregorio nel corso dell’anno: quello con le sagne condite al sugo di aglio e quello con il cinghiale.

Ma concentriamoci su questa domenica: gli stand mangerecci aprono alle 12 e danno la possibilità di assaggiare, oltre ai prelibati gnocchi, anche l’abbacchio al sugo, poi acqua, vino e caffè. Il pomeriggio trascorrerà tra una visita al castello Brancaccio, costruito nel secolo X, arricchito da affreschi cinquecenteschi di Zuccari e a lungo conteso tra le famiglie Colonna e Orsini, musica dal vivo e giochi per bambini.

Dalle 18, poi, delicata merenda a base di salsicce e patatine, ma anche la possibilità, per i ritardatari, di gustare nuovamente, riscaldato, il menu del pranzo. La manifestazione è all’aperto e il prezzo medio per il pasto ammonta a circa 13 euro.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail