Roma arDente: Sottantreno a Monteverde


Quanti di voi hanno mai provato l’ebbrezza di mangiare a bordo di un vagone ristorante? Se non l’avete mai fatto, ma l’esperienza vi aggraderebbe, dovete proprio provare Sottantreno, il pub-ristorante che dall’originale collocazione sull’Ostiense si è da poco spostato a Monteverde, dove di ferrovie ce n’è in abbondanza: il locale, infatti, è praticamente equidistante dalle due stazioni di Trastevere e Quattro Venti, sulla Roma-Capranica-Viterbo.

Passando attraverso la porta d’ingresso (di un vagone originale), vi troverete catapultati all’interno di un vero vagone, con tanto di finestrini, leva del freno di emergenza e portabagagli con valigie (finte), sedili e tavoli da vagone ristorante e addirittura una suggestiva installazione che sotto al pavimento in plexiglas riproduce le rotaie.

Insomma, nulla a che vedere con l’eleganza dell’Orient Express, ma che ci sia la mano di un architetto si vede, non foss’altro che per i bei lampioncini in stile liberty e per il sapiente utilizzo delle luci che conferiscono al locale una suggestiva atmosfera da lume di candela che, abbinata alla musica di sottofondo, fa davvero venir voglia di scambiare quattro chiacchiere in tranquillità.

Ma veniamo alle vettovaglie: ad alcuni interesserà sapere che il locale dalle 19.30 serve aperitivi accompagnati da taglieri di formaggi e salumi, ma noi l’abbiamo provato per cena ed è questo che vi racconteremo. Per la cronaca, comunque, vi ricordo che è un pub e che quindi ci si può andare più tardi e anche solo per bere.

Io personalmente classificherei Sottantreno uno di quei posti dove si può cenare gradevolmente optando per semplici piatti di carne, come hamburger all’americana, ma anche entrecote e filetto. Interessanti le proposte tex mex come appetizer: se i nachos sono davvero poco conditi, il misto è proprio gustoso e comprende una bella aletta di pollo piccante, anelli di cipolla, bastoncini di mozzarella fritta, pepite di formaggio e verdure e una singolare pannocchietta panata che può non piacere.

Le proposte di pasta sono semplici e interessanti: abbiamo una gricia decente servita in un cestino di pecorino come pure gli spaghetti pancetta e cicoria, ben conditi, ma se i primi sono la vostra passione vi consiglio di scegliere senza indugi gli gnocchetti con speck, crema alla birra e tartufo, che sono favolosi, ma anche un tantino sostanziosi.

Piacevole anche il tagliere di verdure grigliate con melanzane e zucchine, oltre a cicoria e broccoli ripassati, servito con tante bruschette leggere e appena unte. Tra i dessert, buono tiramisù al caffé, specialità della casa; meno la sbriciolata i frutti di bosco che é una crema calda e per i miei gusti troppo burrosa.

La cucina promette prossimamente come new entry nel menu il gulash all’ungherese, lo proveremo la prossima volta; intanto paghiamo il conto che con due ottime Leffe scure (hanno birre artigianali) e un’acqua frizzante arriva a 80 euro in 3, ma attenzione: non hanno ancora attivato la linea telefonica e potete pagare solo in contanti!

Ultima nota di merito: la ragazza che serve ai tavoli è davvero carina, paziente e gentile come ormai non se ne trovano quasi più. E infatti non è italiana.

Ristorante – Pub Sottanteno
Piazzale E. Dunant, 67
00152 – Roma
T 349 4227912
sottantreno@hotmail.it
www.sottantreno.it

Foto | Sottrantreno.it

Sottantreno
L\'ingresso
La sala
I tavoli in sala

  • shares
  • Mail