La Barbera in guerra per il decoro di Roma


Se davvero riesce nell'impresa, la vogliamo sindaco di Roma. Mariarosaria Barbera, la nuova Sopraintendente, esce allo scoperto e sfida l'impero degli ambulanti.

Non capiamo perché sia necessario l'ultimatum del solito prestesto cattolico (in un ambiente strepitosamente pagano), e quindi prima della via Crucis del 6 Aprile, ma ci interessa poco. Quello che ci sembra epocale è che qualcuno finalmente non faccia finta dello schifo in cui soffoca questa città. Le sue parole sono chiare.

Via i camion bar intorno al Colosseo. E con loro i centurioni e tutte le attività di vendita di souvenir. Non solo. "L'analogo provvedimento sarà assunto nei confronti della postazione commerciale in largo Romolo e Remo, lungo la via dei Fori Imperiali, la cui presenza inibisce completamente la visibilità dell'accesso al compendio demaniale del Foro romano".

Incredibile. Fa sul serio. "Sono sicura di poter avere la collaborazione del Comune - conclude la Barbera - perché credo che il ripristino del decoro in luoghi come il Colosseo e Fori Imperiali sia anche un loro interesse così come lo è della soprintendenza. Il rispetto delle regole è una priorità, ne sono certa, di tutte le istituzioni". Noi ci auguriamo che la disposizione sia subito estesa ovunque.

La risposta dell'assessore al Commercio, Davide Bordoni, è inquietante: "si faceva già in passato, ma dopo dovranno tornare". A questo punto la Barbera, coraggiosa a combattere questo lato oscuro, dovrebbe chiedere ai cittadini di difendere il suo mandato e la sua disposizione. Saremo tanti a schierarci con lei. Non vi pare?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: