Piano regionale contro la violenza di genere e lo stalking per Roma e Lazio

Dopo tante violenze silenziose e grida inascoltate, progetti di prevenzione e vademecum, troppi Giorni Internazionali per l’Eliminazione della Violenza Contro le Donne e denunce di stalking presentate da donne e uomini di tutte le eta, perseguitati e vittime delle ossessioni altrui, forse qualcosa si muove.

"La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di violenza" però per la prima volta arriva ad approvare un Piano regionale contro la violenza di genere e lo stalking, forme di sopruso tanto subdole quando diffuse, difficili da debellare senza la collaborazione di una rete capillare e strategica di intervento.

Una vasta rete di protezione sul territorio, frutto della collaborazione di istituzioni, associazioni e realtà che assistono le vittime nel quotidiano, che il nuovo piano regionale di durata triennale promette di creare, insieme ad interventi di comunicazione, sensibilizzazione, prevenzione, sostegno e implementazione dei servizi anti violenza, informazione e formazione permanente degli operatori, percorsi di assistenza e integrazione sociale delle vittime e introduzione di strumenti per il monitoraggio del fenomeno.

Siamo in tanti a nutrire la speranza che questo 'primo passo' si trasformi presto in uno strumento efficace di prevenzione, cura e recupero per tante vittime, ma soprattutto in una sorta di grimaldello per iniziare a forzare atteggiamenti e malcostumi che affondano le radici in una cultura millenaria e ben radicata.

  • shares
  • Mail