Ztl del Tridentino: abolita l'ordinanza arriva la nuova direttiva

Natale a Roma 2011 Dal Cielo

Un giorno il completamento di quell’isola ambientale del Tridente, concepita per risolvere il problema del controllo dei furbetti attraverso dissuasori mobili e videocamere, della sosta su strada, del trasporto pubblico e dei parcheggi interrati, potrebbe evitare il bisogno di ricorrere a ordinanze a tempo e incontri al vertice per abolirle.

Nell’immediato l’incontro tra l’assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma e il presidente del municipio I Orlando Corsetti, ha revocato l’ordinanza appena emessa da quest’ultimo per chiudere al traffico lo Ztl del Tridentino (tra piazza del Popolo e piazza di Spagna) 24 ore su 24, anche a motorini, moto, minicar.

Per la Ztl A1 però ci sono dei cambiamenti, a partire dall'applicazione della delibera comunale del 2003 (finora non applicata) che rende l'area accessibile solo ai residenti dalle ore 10 alle 20, con nuovi permessi per residenti e diversamente abili, più controlli e ganasce per i parcheggi selvaggi, ma procediamo con calma ..

A sfavore di quella che il nostro sindaco non ha esitato a definire “un'iniziativa improvvisata, per la mancanza di parcheggi e infrastrutture collaterali", lo stesso Aurigemma, che ha posto l’accento sulla mancanza di vigili urbani necessari a farla applicare.

Del resto allo stato attuale della cose era abbastanza evidente per tutti l’impossibilità di estendere un provvedimento del genere all’arco delle 24 ore in una zona dove non si riesce a controllare la chiusura della cosiddetta Ztl dalle 10 alle 20, come previsto dalla delibera del 2003.

Aspettando i varchi elettronici, operativi anche per il Tridentino tra qualche mese, insieme alla nuova segnaletica e i relativi permessi per residenti ed esonerati, è operativa da subito, almeno fino a quando qualcuno non ci ripensa, la direttiva concordata con il comando della polizia di Roma Capitale che sguinzaglia i vigili con le ganasce per dissuadere i parcheggiatori selvaggi nel Tridente.

Riguardo ai permessi per i disabili è previsto “l’eventuale ritiro del permesso e la denuncia penale in caso di falsa dichiarazione”, mentre per i veicoli muniti di permesso senza diversamente abile a bordo, che dichiarano di andare a prenderli nella zona a traffico limitato, sono previste due pattuglie in moto della polizia di Roma capitale per “scortare” gli automobilisti a destinazione.

L’applicazione di questo ultimo provvedimento magari suona un po’ fantascientifica, ma sta di fatto che dopo la lavata di testa i vigili aspetteranno i conducenti dei veicoli indisciplinati al varco della ZtlA1 armati di ganasce e parecchio inchiostro.

Foto | RondoneR

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: