Q8, 25 anni di successi all'Auditorium Parco della Musica di Roma

philharmonia roma auditorium parco della musica q8

Un evento eccezionale anticipa la primavera concertistica romana: Q8 celebra 25 anni di successi in Italia all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Sul palco del Santa Cecilia in concerto la Philharmonia Orchestra di Londra, il Maestro Antonio Puccio e il violino di Vadim Repin, nelle parole di Yehudi Menuhin "il più perfetto violinista che abbia mai ascoltato".

Promossa da Q8 - main sponsor dell'evento - la serata propone il Concerto per violino e orchestra N° 1 in sol minore op. 26 di Max Bruch, l’Ouverture “Coriolano” di Beethoven e la Quarta Sinfonia di Brahms. A dirigere la Philharmonia Orchestra di Londra il Maestro Antonio Puccio, collaboratore personale del M° Uto Ughi e del M° Claudio Abbado in diverse tournée mondiali.

Parte del ricavato sarà devoluto alla Fondazione Francesca Rava - N.P.H Italia, per il progetto Francisville, la città dei mestieri. Tutte le informazioni per prenotare i biglietti della serata di sabato 10 marzo alle 21 sul sito Q8.

Foto | © Richard Haughton

Iniziativa realizzata in collaborazione con Q8.

Fondata nel 1945, la Philharmonia Orchestra è una delle più importanti orchestre del mondo. Nei primi anni di attività si alternano a dirigerla Maestri del calibro di Wilhelm Furtwängler, Arturo Toscanini, Richard Strauss, ed Herbert Von Karajan. La Philharmonia Orchestra può vantare nel suo carnet collaborazioni con Carlo Maria Giulini, Evgeny Svetlanov, James Levine, Myung-Whun Chung, Mstislav Rostropovich, Gyorgy Ligeti, e aperture anche ad artisti meno classici come Serj Tankian. Con più di mille incisioni realizzate dal 1945 a oggi ed oltre 160 concerti eseguiti nella sola stagione 2011/2012 la Philharmonia Orchestra di Londra rimane un punto fermo della scena concertistica mondiale.

Il Maestro Antonio Puccio nasce nel 1966. I suoi studi si svolgono al Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia, dove approfondisce in particolare pianoforte, composizione, direzione d'orchestra, canto e direzione corale, oltre a filosofia, psicologia ed estetica della musica. Dal 2005 Antonio Puccio diventa collaboratore personale del violinista Uto Ughi e Direttore ospite dell'Orchestra "I Filarmonici di Roma", mentre nel 2006 si unisce al Maestro Claudio Abbado in diverse tournée internazionali. Compositore ed esperto di tecnica vocale Puccio è fondatore e direttore degli Ensemble madrigalistici "Jonikon Odè" e "Polifoniqa Vocal Ensemble". Nel 2011 ha diretto la Czech Philharmonic Orchestra e il Coro Filarmonico di Praga.

“Semplicemente il più perfetto violinista che io abbia mai ascoltato”. Queste parole esclamò il Maestro Yehudi Menuhin quando sentì il violino di Vadim Repin, classe 1971, cresciuto in Siberia, Vadim Viktorovič Repin ad appena diciassette anni vince il Concorso Regina Elisabetta di Bruxelles, affermandosi come prodigio violinistico internazionale. Specializzatosi nel corso degli anni in musica russa e francese e nei grandi concerti per violino, Repin è stato diretto tra gli altri da Yehudi Menuhin, Pierre Boulez, Riccardo Chailly, Simon Rattle, Mstislav Rostropovich e Riccardo Muti. Repin ha suonato fino al 2005 uno Stradivari del 1708 mentre oggi predilige un Guarneri del Gesù "Bonjour" del 1743.

Una grande serata in musica con un obiettivo benefico. Da tre anni infatti Q8 collabora con la Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia, presente ad Haiti con il progetto Francisville – La città dei mestieri, cui sarà devoluto parte del ricavato della serata. La città dei mestieri sorgerà su un appezzamento di 25.800 metri quadrati a Tabarre, periferia di Port au Prince, e sarà una nuova "area industriale", in cui potranno essere riunite le microimprese già avviate, con l’obiettivo di farle crescere ed avviarne di nuove.

Un centro di formazione professionale con molteplici obiettivi: creare posti di lavoro per la sopravvivenza di intere famiglie; produrre in piccole unità produttive e laboratori artigianali servizi e beni essenziali di buona qualità, da donare ai bambini e alle famiglie più povere; insegnare un mestiere a centinaia di ragazzi, di cui potranno essere valorizzati il talento e la voglia di fare e che potranno in seguito anche avviare la propria attività.

  • shares
  • Mail